E Fini continua a mediare

12/02/2002
La Stampa web





(Del 12/2/2002 Sezione: Economia Pag. 17)
DOMANI CONVEGNO DI AN CON LE PARTI SOCIALI, ASSENTE SOLO LA CGIL
E Fini continua a mediare
Presieder� il �tavolo� per il Mezzogiorno

ROMA A Gianfranco Fini quell�ossimoro vagamente moroteo non dispiace e la �destra centrale� potrebbe diventare lo slogan-logo del prossimo congresso di Alleanza nazionale. E nei sessantuno giorni che mancano all�assemblea di Bologna, il vice-presidente del Consiglio � intenzionato a dare nuova sostanza a quell�immagine di mediatore sociale esibita in occasione del contratto del pubblico impiego. E cos�, d�intesa con Berlusconi, nei prossimi giorni sar� dato l�annuncio: il nuovo tavolo per il Mezzogiorno sar� presieduto e guidato politicamente proprio dal vice-presidente del Consiglio. Con Fini a capotavola, tutte le parti sociali cercheranno di sbloccare vecchi e nuovi dossier del Sud, fluidificando (o attivando) fondi per strade, ferrovie, autostrade, reti idriche ed elettriche. Affiancato dal vice-ministro per il Mezzogiorno Gianfranco Miccich�, il vice-presidente del Consiglio avr� l�occasione di sperimentare sul campo la tenuta della rete di rapporti intessuta nei mesi scorsi (a cominciare dal rapporto personale con il segretario della Cisl Savino Pezzotta), ma soprattutto cercher� di dare corpo a quella "strategia del carciofo" da lui stesso delineata nel corso della riunione del primo febbraio al Consiglio dei ministri: �Isoliamo l�articolo 18 sul quale soltanto la Cgil � intenzionata a fare lo sciopero generale – aveva detto Fini – e cerchiamo di affrontare prima tutte le altre questioni, a cominciare dal contratto per il pubblico impiego�. E l�idea di Fini di sfilare una foglia alla volta, per il momento, ha funzionato: sotto la regia del vice-premier il contratto sul pubblico impiego si � chiuso rapidamente – seppure con un alto costo finanziario – e il successivo annuncio di sciopero generale fatto da Sergio Cofferati � caduto nell�ostilit� di Cisl e Uil. Ora Fini, con il dossier Mezzogiorno, cercher� di sfilare la seconda foglia, sperando di poter sottrarre argomenti alla Cgil. E mentre resta attiva una diplomazia parallela, da An si moltiplicano i segnali di dialogo: domani, per iniziativa della corrente della Destra sociale del ministro Gianni Alemanno, si svolger� un convegno su "Riforme e dialogo sociale" al quale saranno presenti, oltre al vice-presidente del Consiglio e al ministro per le Politiche agricole, anche l�"ideologo" della Cisl Pier Paolo Baretta , Adriano Musi della Uil, il direttore generale di Confindustria Stefano Parisi, il presidente della Confcommercio Sergio Bill�, il segretario generale della Confartigianato Francesco Giacomin e il presidente della Confcooparative Luigi Marino.
In questa stagione di riscoperta delle radici sociali, Fini non pu� non coltivare un rapporto stretto con la "Destra sociale", guidato dal personaggio politicamente pi� ambizioso di An, il ministro Alemanno, che nell�ultimo numero della rivista "Area" ha spiegato senza perifrasi il suo progetto: �Nella sua "seconda fase"�, An dovr� stringere rapporti con �ambienti sociali e culturali che non possono essere abbandonati all�estemporaneit� delle cooptazioni individuali� e �tenendo presente che esiste un vasto mondo associativo di matrice cattolica (Confcooperative, Cisl, Coldiretti, Acli, ecc.) che � rimasto in bilico tra il morente Ppi di Castagnetti e la crescente attenzione verso l�area governativa�. Certo, immaginare An come il nuovo interlocutore del vecchio collateralismo democristiano � un progetto ambizioso che, oltretutto, mette nel conto una lunga tenuta di Fini nel ruolo del mediatore. Sar� cos�? Per tre mesi il vice-presidente del Consiglio si � macerato, intimamente pencolando tra due immagini contrapposte da offrire di s�: decisionista o mediatore sociale? Poi, venerd� primo febbraio, con un lungo e motivato discorso in Consiglio dei ministri, il vice-presidente del Consiglio ha rotto gli indugi, spiegando agli altri ministri la sua strategia. Che ora � chiamato a gestire.



Copyright �2001 Guida al sito Specchio dei tempi Credits Publikompass Scrivi alla redazione