DUN & BRADSTREET: PROSEGUE LA LOTTA CONTRO I LICENZIAMENTI: LO SCIOPERO DI LUNEDI’ 15

15/11/2004

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi
Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

15 novembre 2004

DUN & BRADSTREET: PROSEGUE LA LOTTA CONTRO I LICENZIAMENTI: LO SCIOPERO DI LUNEDI’ 15

Lunedì 15 novembre, primo incontro all’Unione Commercianti di Milano tra sindacati e Dun & Bradstreet sulla richiesta di licenziamento avviata dalla direzione per 84 lavoratori (60 a Milano, 15 a Bari e 9 a Torino) su un totale, in Italia, di 260 dipendenti.

Stesso giorno, terzo sciopero (altri due scioperi il 24 settembre e il 20 ottobre) per resistere alla ristrutturazione che abbandona al loro destino, come scrive la rappresentanza sindacale nel volantino che annuncia lo sciopero, «persone troppo anziane per trovarsi un lavoro e troppo giovani per la pensione».

Il settore in cui opera la Dun & Bradsteet, azienda leader a livello mondiale nelle informazioni sul credito, è privo di ammortizzatori sociali.

I lavoratori, sono giunte rappresentanze anche da Torino e da Bari, hanno stabilito un presidio davanti alla sede dell’Unione Commercianti.

La D&B è investita a livello mondiale da un processo di esternalizzazioni che, nelle intenzioni della direzione, porterà a una riduzione di 1000 posti.