Ds bocciano Conferenza sul turismo

25/09/2002

ItaliaOggi (Turismo)
Numero
227, pag. 15 del 25/9/2002


Lamezia Terme.
Ds bocciano Conferenza sul turismo

Un anno ´assolutamente deludente’: così i Democratici di sinistra bollano i 12 mesi dedicati al turismo dal governo Berlusconi. Ieri i Ds hanno presentato un dossier sul turismo italiano, a pochi giorni dall’apertura della Conferenza di Lamezia Terme del 27 e 28 settembre, che rischia di diventare ´un’ennesima passerella propagandistica’, secondo il responsabile turismo del partito, Domenico Di Resta.

Sotto accusa, tra l’altro, i ritardi nella messa a punto degli strumenti attuativi della legge di riordino del settore (la legge n. 135/01); l’esclusione delle regioni dal consiglio d’amministrazione dell’Enit; la riduzione dei fondi per la promozione turistica all’estero e il carico fiscale ´troppo diverso da quello dei paesi concorrenti’.

A testimoniare il ´disinteresse totale del governo’, secondo i Ds, c’è il Dpef, in cui al turismo sono dedicate ´solo sei righe prive di qualsiasi contenuto strategico’.

´Abbiamo l’impressione’, ha detto l’ex ministro dei trasporti e delle attività produttive, Pierluigi Bersani, nel corso della presentazione del dossier, che non ci sia neanche in questa occasione un contatto con la realtà. Non diciamo che se il mondo non gira la colpa sia di Berlusconi, ma rimproveriamo al governo di aver fatto meno di nulla per cercare di migliorare la situazione. Nell’insieme, abbiamo un turismo che ha visto alle sue difficoltà aggiungersi questa paralisi del governo’, ha aggiunto Bersani, auspicando che, in occasione delle prossima Finanziaria, arrivi ´qualche segnale di attenzione’ al comparto.

Per Domenico Di Resta, il governo non ha dato una risposta concreta alla crisi seguita all’11 settembre, non ha lavorato a una riorganizzazione del settore sul fronte istituzionale, alla luce della nuova formulazione del titolo quinto della Costituzione; e ancora, non sono state definite le linee guida per l’armonizzazione e la valorizzazione del sistema turistico, non è stata attuata la legge 135 del 2001 per i fondi di cofinanziamento e non è stata avviata la promozione del turismo all’estero.

Secondo i Ds, permane ´un’ormai inaccettabile contraddizione tra la rilevanza economica e sociale del turismo, che per il suo fatturato, il numero di imprese e di occupati, le entrate valutarie, rappresenta uno dei settori trainanti dell’economia e una delle componenti fondamentali dell’ attivo valutario del paese, e la difficoltà a entrare con le sue complesse problematiche nell’agenda del dibattito politico e dell’azione di governo’.