DPS Group, FRC Group, esito incontro 31/05/2017

Roma, 7 giugno 2017

    TESTO UNITARIO

    Nell’incontro con la Direzione di Trony, tenutesi a Roma il 31/05/2017, è stato illustrato il Piano Industriale richiesto al tavolo lo scorso incontro.
    Durante la presentazione, sono emerse molte incongruenze in merito al numero di negozi interessati dalla procedura di licenziamento collettivo aperta dall’azienda, in quanto differivano da quelli dichiarati in procedura.
    Dal confronto è emerso che il piano industriale è rivolto prevalentemente al rapporto con le banche e gli investitori e poco prevede sul rilancio commerciale della rete vendita. L’unico investimento che tramite la nuova società Prixit verrebbe fatto è su un canale online che non coinvolgerà la rete vendita esistente.
    Queste evidenze hanno inasprito i toni del confronto e ad oggi è difficile individuare margini per poter fare un accordo che salvaguardi la totalità dell’occupazione.
    Le organizzazioni sindacali hanno costretto l’azienda a fornire le percentuali di riduzione dell’orario a part time utile all’assorbimento dell’esubero come da loro proposta contenuta nella procedura di mobilità, che riportiamo di seguito:

      ·Milano 32%
      ·Imperia 36%
      ·Torino 52%
      ·Cuneo 12%
      ·Savona 19%
      ·Padova 18%
      ·Alessandria 7%
      ·Barletta Andria Trani 25%
      ·Bari 25%
      ·Lecce23%
      ·Brindisi 21%
      ·Foggia 7%
      ·Taranto 16%
      ·Potenza 21%
      ·Pavia 34%
      ·Venezia 17%
      ·Treviso 11%

    Tali percentuali portano gli esuberi ad una media del 30%.
    A questo punto la trattativa si è incentrata su quali strumenti utilizzare per evitare i licenziamenti e la proposta di Filcams, Fisascat e Uiltucs resta quella di utilizzare i Contratti di Solidarietà in alternativa alla riduzione oraria, ma l’azienda ha dichiarato di non essere disponibile.
    L’azienda ha inoltre dichiarato che i 39 negozi che rimarranno aperti verranno trasferiti in Vertex, società di proprietà della stessa famiglia Piccinno, che al momento si occupa esclusivamente della vendita all’ingrosso di prodotti di elettronica di consumo, tramite passaggio di ramo d’azienda che dovrebbe avvenire contemporaneamente alla procedura di mobilità in discussione.
    Per quanto riguarda FRC abbiamo dedotto dal confronto che i punti vendita di Milano e Genova dovrebbero essere trasferiti in Vertex mentre resta ancora incerto il futuro occupazionale dei negozi di Verona e Napoli.
    È stato già calendarizzato il prossimo incontro con l’azienda, in plenaria, per il giorno 21/06/2017 alle ore 15.00 presso la sede Uiltucs Roma.
    Vi informiamo inoltre che il Ministero del Lavoro ha convocato l’esame congiunto alle ore 9.30 del 22 Giugno 2017 alle ore 9,30.


    p. La Filcams CGIL Nazionale
    Alessio Di Labio