Domina rimescola le carte

04/07/2006
    marted� 4 luglio 2006

    Pagina 20 – Turismo

    Piano industriale.

      Domina rimescola le carte

        di Pier Giorgio Cozzi

          Riordino dei conti in casa Domina vacanze. L’assemblea degli azionisti, che si � riunita nei giorni scorsi, ha approvato il bilancio 2005, il riassetto del gruppo e le linee guida del nuovo piano industriale. Il gruppo Domina vacanze, 3 mila dipendenti, fondato nel 1988 da Ernesto Preatoni e attivo nel settore della vendita della mono e multipropriet� nel comparto alberghiero, cui fanno capo direttamente o tramite controllate 32 alberghi in propriet�, gestione, management e franchising, ha chiuso il 2005 con ricavi in crescita a 114,3 milioni di euro, registrando una perdita di 20 milioni motivata principalmente dai numerosi investimenti e dagli start-up.

            Paolo Michelozzi, neoamministratore delegato del gruppo e della holding Pro kapital, attiva nei paesi baltici (Lettonia, Estonia e Lituania), ha illustrato le linee guida del piano industriale che verr� presentato agli azionisti entro fine anno. Il nuovo business plan prevede sostanziosi cambiamenti: rilancio delle attivit� di timesharing (multi e mono propriet�); una politica di cost saving per aumentare le efficienze operative, la ristrutturazione del comparto alberghiero e, soprattutto, la cessione dei tour operator del gruppo, che saranno ceduti a Sicot, societ� proprietaria del Domina Coral Bay di Sharm el Sheikh, per meglio sfruttare le sinergie tra la principale struttura targata Domina e il vettore turistico. La ristrutturazione prevede, inoltre, che Domina Hotel & Resort, che gestisce le attivit� alberghiere, entri a far parte della holding Pro kapital con l’obiettivo di utilizzare in modo integrato le competenze acquisite dai due team della societ� nel settore immobiliare e turistico.

            Il business alberghiero rimane per� fondamentale per il gruppo: nel 2006, oltre ai tre gi� annunciati (Domina Makady Bay e Domina Harem in Egitto, Domina Inn Aqaba in Giordania) verranno aperti altri due nuovi alberghi Domina, a Roma e a Luxor, e residenze alberghiere in timesharing a Parigi e Forte dei Marmi. Il valore di mercato degli asset immobiliari del gruppo � di circa 132 milioni di euro.

              Ernesto Preatoni, azionista di riferimento di Pro kapital e fondatore di Domina vacanze, si dichiara ottimista per il futuro. Il suo interesse di investitore immobiliarista si allarga ora alla Russia: �I nostri asset immobiliari sono una garanzia della nostra solidit� finanziaria’, ha dichiarato, negando peraltro eventuali interessi nei confronti degli hotel Cit e del gruppo Ventaglio. (riproduzione riservata)