Dico Tuodì, esito incontro 06/04/2017

Roma, 12 maggio 2017

TESTO UNITARIO
Filcams Cgil e Fisascat Cisl

giovedì 6 aprile 2017 si è tenuto l’incontro con la Direzione della Società DICO S.p.a. dove si è presentato anche il Dott. Faranda. In apertura dell’incontro come OO.SS. abbiamo rivolto direttamente alla proprietà, in persona del Dott. Faranda, domande circa la situazione in cui versa l’intero Gruppo e nello specifico abbiamo chiesto chiarimenti sulla situazione economica e sulle voci di vendita della Società apparse sui giornali nei giorni precedenti all’incontro.La proprietà ha affermato che in questi anni, dal proprio punto di vista, è stato fatto tutto il possibile, sia finanziariamente , che organizzativamente, per affrontare la situazione venutasi a creare subito dopo l’acquisizione dei punti vendita della Coop avvenuta nel 2013. Il Gruppo DI.CO. S.p.a. oggi conta oltre 2000 dipendenti diretti e molti di più se si considera l’indotto, ma versa in un grave crisi finanziaria. La proprietà non ha voluto fornire nessun tipo di risposta e/o smentita circa la notizia apparsa sulla stampa relativa ad una possibile acquisizione del Gruppon da parte di altri competitor del settore , poiché riteneva che non fossero necessarie come approfondimento della discussione.
Su questi presupposti e dopo queste affermazioni sono state richieste assicurazioni sul prosieguo dell’attività considerando che in molti punti vendita spesso scarseggia la merce, quindi ci si ritrova a svolgere l’attività lavorativa con gli scaffali praticamente vuoti e a far fronte ad una clientela che in tale situazione si disaffezione sempre più “all’insegna”. La risposta, ormai sentita numerose volte nel recente passato è stata quella che la Dirigenza della Società sta facendo il possibile per garantire, oltre al regolare rifornimento di merce nei vari punti vendita, il pagamento degli stipendi che già da molti mesi vengono erogati a tranche. Le segreterie Nazional unitamente ai rappresentanti sindacali Filcams Fisascat e Uiltucs non soddisfatti dalle insufficienti assicurazioni dichiarate nell’incontro è fortemente preoccupati per il futuro hanno chiesto di verbalizzare tutta la discussione, oltre a chiedere l’assicurazione del mantenimento dei livelli occupazionali. Le parti infine hanno concordato che si incontreranno nuovamente nel mese di giugno 2017, periodo in cui la Società ha comunicato la presentazione di un nuovo piano industriale per far fronte alla situazione, e nelle more dell’incontro la Società si è impegnata a non avviare processi che mettano in discussione i livelli occupazionali oggi in essere

    p. La Filcams CGIL Nazionale

                        Giovanni Dalò