Dico Tuodì, esito incontro 04/09/2017

Roma, 5 settembre 2017

    Testo Unitario

    Si è svolto oggi 4 Settembre il previsto incontro al Ministero del lavoro per Dico SPA, in detto incontro la Società ha confermato la richiesta dell’utilizzo della cassa integrazione per crisi. Diversamente da quanto sostenuto nell’incontro del 31 agosto scorso la Dico SPA ha manifestato la possibilità e dichiarato la disponibilità a procedere all’anticipazione della retribuzione della cassa integrazione. Rispetto all’incontro dello scorso 31 Agosto l’impresa ha quindi modificato sostanzialmente la posizione. La disponibilità a garantire ai lavoratori la tempestiva e puntuale retribuzione ha messo le organizzazioni sindacali nella condizione di poter sottoscrive accordo collettivo presso il ministero che riportiamo in allegato.
    La cassa integrazione per crisi prevista con durata di 12 mesi sicuramente potrà concorrere a determinare la riapertura graduale di tutti i punti vendita con il conseguente mantenimento in essere dell’occupazione. Relativamente ai criteri di gestione dell’ammortizzatore sociale saranno utilizzati quelli di legge. Cassa integrazione a rotazione. Il Ministero del lavoro ha ribadito che il riferimento della rotazione è costituito dall’unita produttiva, ciò comporta che i lavoratori impiegati nei punti vendita temporaneamente chiusi (sospesa l’attività) resteranno in cassa integrazione a 0 ore fino alla singola riapertura. I lavoratori impiegati presso i punti vendita aperti al pubblico saranno messi in cassa integrazione a rotazione con ad una riduzione oraria massima del 20%, compatibilmente con le esigenze tecniche ed organizzative.
    In virtù dell’accordo sottoscritto invitiamo tutte le strutture territoriali a promuovere incontri a livello locale per individuare la corretta gestione dell’ammortizzatore sociale.


    p. La Filcams CGIL Nazionale

                        Giovanni Dalò