Dico Discount e Gruppo Tuo – esito incontro 26 maggio

Roma, 28 maggio 2013

Oggetto: Dico Discount e Gruppo Tuo – esito incontro 26 maggio

NOTA INTERNA RISERVATA TESTO UNITARIO

Il 26 Maggio si è svolto l’ incontro con il Gruppo Tuo.
Il Gruppo Tuo, a seguito dell’avvenuta acquisizione della rete discount di Dico, ha presentato al Coordinamento Unitario Nazionale dei Rappresentanti Sindacali e delle Strutture Territoriali il piano industriale di riposizionamento della rete distributiva e della logistica al fine di recuperare redditività.
Il Gruppo Tuo, per voce del direttore commerciale di Tuodì Dott. Schiraldi, ha evidenziato l’aspettativa di far diventare Tuodì-Dico il terzo soggetto del mercato discount con l’ 8% della quota di mercato. Tale prospettiva appare raggiungibile ridefinendo le politiche commerciali e quelle di approvvigionamento delle merci, parimenti all’utilizzo appropriato del marchio (in prospettiva dico e Tuo di marchet) ed alla ristrutturazione della logistica.
Il format dei punti vendita potrebbe attestarsi sui 350/400 metri quadrati e nel biennio 2013/2014 si prospetta l’ apertura di 40 punti vendita diretti. Tuttavia, alla data odierna, per 65 punti vendita ci sono problematiche serie e per 32 punti vendita appare definita la strategia di procedere all’affitto di ramo d’azienda e/o di procedere alla chiusura.
Relativamente alle sedi è prevista un’ azione di razionalizzazione, tale da portare da tre ad una (in Roma) il presidio direzionale e amministrativo. La logistica sarà ristrutturata chiudendo Marche e Pomezia. Complessivamente le lavoratrici ed i lavoratori interessate dal piano di ristrutturazione sono 419.
Tale piano determina l’ indeterminatezza dei futuri assetti occupazionali e porta con se la prerogativa di dover affrontare un rilevante problema occupazionale. Il Gruppo ha dichiarato la necessità di voler ricorrere all’apertura di una procedura di mobilità di livello nazionale.
Il Coordinamento Unitario dei rappresentanti sindacali e delle strutture territoriali, unitamente alle segreterie nazionali hanno deciso di mantenere in essere lo stato d’agitazione.
Il confronto proseguirà in ragione delle disposizione di legge, a seguito della formalizzazione degli atti annunciati. Al più presto faremo conoscere data e luogo dell’incontro.

p. La Filcams CGIL Nazionale
Alessio Di Labio