Da oggi in Senato si vota sull´articolo 18

13/02/2002
La Stampa web







(Del 13/2/2002 Sezione: Economia Pag. 17)
Da oggi in Senato si vota sull�articolo 18
Ritirata l�estensione al pubblico impiego. Piovono emendamenti

ROMA

Cominciano le votazioni. Dalle 15 di oggi la commissione lavoro del Senato si pronuncia sul disegno di legge delega di riforma del mercato del lavoro all�origine di un aspro conflitto fra il governo e i sindacati. Devono essere esaminati 1.200 emendamenti presentati in prevalenza dall�opposizione di centrosinistra contraria al provvedimento che contiene la modifica dell�articolo 18 dello statuto dei lavoratori: in tre casi per il licenziamento riconosciuto senza giusta causa il reintegro sul posto di lavoro � sostituito da un indennizzo. Ma un emendamento del relatore, Oreste Tofani, senatore di Alleanza nazionale, ha gi� fatto discutere alimentando ieri pomeriggio una specie di giallo intorno al disegno di legge. Originariamente prevedeva l�estensione della modifica dell�articolo 18 anche al pubblico impiego. Tofani riconosceva l�esistenza di �un dibattito interno nella maggioranza�. Inevitabile quindi consultarsi con il governo. In un�ora l�allargamento dell�applicazione ai dipendenti pubblici � finita nel cassetto: proposta annullata. La versione definita �corretta� si limita a consentire, spiega Tofani, �nuove possibilit� di lavoro anche nel settore pubblico�. L�approvazione dell�emendamento consentirebbe cio� il rafforzamento del part time e il ricorso anche da parte dello Stato delle diverse forme di lavoro atipico: a chiamata, temporaneo, coordinato e continuativo, occasionale, accessorio e a prestazione ripartita. L�articolo 18 continua a far discutere, in rapporto anche alle indicazioni del congresso della Cgil isolata nel sostenere l�opportunit� di uno sciopero generale. La polemica ora si sposta al senato. �Procediamo ma con la massima apertura� dice Maurizio Sacconi, sottosegretario al lavoro e alle politiche sociali. L�Ulivo sta verificando la possibilit� di sottoscrivere alcuni emendamenti insieme a Rifondazione: �Siamo disponibili purch� non stravolgano il nostro impianto� afferma per la Margherita l�ex ministro Tiziano Treu. L�obiettivo, dice il diessino Piero Di Siena, � �allargare il fronte dell�opposizione�. La settimana scorsa il capogruppo ds Gavino Angius non ha escluso il ricorso all�ostruzionismo nel tentativo di impedire l�intervento sull�articolo 18.
Nonostante tutto, il presidente della commissione lavoro Tomaso Zanoletti, esponente del ccd-cdu, non esclude la possibilit� del dialogo: �Tra la posizione dell�opposizione sullo stralcio e la nostra possono esserci varie posizioni intermedie. L�essenziale � essere disponibili e credo che la maggioranza lo sia�. Puntualizza Sacconi: �Dialogheremo con un�opposizione dialogante, combatteremo con un�opposizione ostruzionistica�. Zanoletti e Tofani puntano ad arrivare al voto finale della commissione sul disegno di legge delega entro la fine del mese. Il provvedimento potrebbe cos� essere esaminato dall�assemblea del senato la prima settimana di marzo o al pi� tardi la seconda. Oggi si comincia con l�esame degli emendamenti relativi alla revisione della disciplina dei servizi pubblici e privati per l�impiego previsti dall�articolo 1 del disegno di legge delega sul mercato del lavoro. Per questo articolo sono stati presentati 260 emendamenti.


r. r.




Copyright �2001 Guida al sito Specchio dei tempi Credits Publikompass Scrivi alla redazione