Cuneo. Ecco il nuovo piano Alpitour

14/11/2002







                      (Del 14/11/2002 Sezione: Cuneo Pag. 41)
                      PARZIALE «CASSA» A NOVEMBRE E DICEMBRE. OCCUPAZIONE E SEDE GARANTITE
                      Ecco il nuovo piano Alpitour
                      Presentato dall´azienda ai sindacati cuneesi

                      CUNEO
                      Ridurre i costi fissi, «per esempio la consistenza dei cataloghi», del 15 per cento; migliorare la qualità guardando allo sviluppo; nuovo utilizzo, dopo i tre mesi di riduzione orari e stipendi ad inizio anno, della cassa integrazione «temporanea e parziale» a novembre e dicembre: circa un giorno settimanale a rotazione per ogni dipendente. Garanzia dell´occupazione, e della sede a Cuneo. Sono alcuni punti del piano di riorganizzazione presentato dall´Alpitour, Gruppo Ifil, ai sindacati, nei locali dell´Unione Industriale, per l´andamento del mercato «che nonostante una leggera ripresa rimane inferiore ai valori precedenti l´11 settembre». Il leader delle vacanze, per il quale nella sede di San Rocco Castagnaretta lavorano circa 470 dipendenti, si pone l´obiettivo di uno sviluppo biennale. Testo del nuovo piano è stato inviato ieri mattina a tutti i dipendenti, che lo analizzeranno anche con i sindacalisti, in futuri incontri. Dall´azienda di San Rocco fanno sapere che «con l´attuazione del piano siamo certi di generare un miglioramento della qualità del servizio sia per i clienti finali che per la rete distributiva». In riferimento al piano presentato dall´Alpitour, Filcams (Cgil), Fisascat (Cisl) e Uiltucs (Uil) della provincia di Cuneo commentano: «Riteniamo opportuno approfondire i contenuti specifici e gli effetti che ne deriveranno in ogni settore dell´azienda stessa. Viene pertanto sospeso ogni giudizio di merito, in attesa dei necessari incontri. Le segreterie ritengono inoltre che il piano di riorganizzazione, proprio per gli ambiziosi obiettivi che potranno essere raggiunti, non possa essere disgiunto dalla stipula di un accordo aziendale che seguendo i contenuti della piattaforma integrativa presentata da oltre un anno alla direzione, premi le disponibilità e i disagi che i lavoratori hanno sostenuto in passato e saranno chiamati a sostenere nell´immediato futuro». Da Palazzo Comunale il sindaco Alberto Valmaggia, che segue tutto con attenzione con il vice Mauro Mantelli e la giunta, dichiara: «Per il nostro continuo monitoraggio e per i positivi rapporti avviati da tempo con l´azienda, crediamo che il piano non metta assolutamente in discussione la riconferma dell´investimento su Cuneo e l´ipotesi di rilocalizzazione della sede a Tetto Garetto. Non ci sono allarmismi, la situazione è sotto controllo, l´Amministrazione è, e resterà attenta». Nel marzo scorso, intervenendo a Cuneo come ospite d´onore al convegno del Rotary club Le Alpi del Mare «Sul futuro delle grandi regioni d´Europa», il presidente dell´Ifil Umberto Agnelli ha tra l´altro detto che «Di questa provincia conosco soprattutto Alpitour, che desidero rimanga un punto di forza di questa città».

            Lorenzo Tanaceto