CRISI BINGO: “SALA BLU” DI MODENA SBARRA PORTE, DIPENDENTI IN STRADA

18/03/2005

FILCAMS-Cgil

Federazione lavoratori commercio turismo servizi
Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

18 marzo 2005

CRISI BINGO: "SALA BLU" DI MODENA SBARRA PORTE, DIPENDENTI IN STRADA

Era lo scorso 24 febbraio quando i 15 dipendenti della sala Bingo Blu di via Newton a Modena si trovano le porte sbarrate. I gestori avevano cambiato le serrature. Ai 15 lavoratori non restava che andare dal sindacato.

«E noi – questa storia la raccontano alla Filcams di Modena – abbiamo preso il telefono per sentire che cose fosse mai successo. E l’azienda se ne esce così: "Abbiamo problemi tecnici, dicono. Si risolveranno nel giro di una settimana. Nel frattempo i dipendenti devono ritenersi in ferie"».

Ma, alla Filcams di Modena, è bastato un giro di telefonate per scoprire che anche le altre sale Bingo di proprietà della Bingo Argento, la stessa di Modena, erano state chiuse lo stesso giorno.

«La situazione finanziaria della Bingo Argento – dice Marzio Govoni segretario generale della Filcams di Modena – era da tempo traballante e le retribuzioni erano pagate con forti ritardi. A tutt’oggi i 15 lavoratori della Bingo Blu di via Newton debbono percepire gli stipendi di gennaio e febbraio, la sala è sempre chiusa e ai lavoratori viene persino negato il recupero degli effetti personali conservati negli armadietti».

«Dopo colloqui infruttuosi con la direzione dell’azienda – continua Govoni –, direzione che da giorni non riusciamo nemmeno a rintracciare, abbiamo attivato le necessarie iniziative sindacali e legali per la tutela dei lavoratori».

Le sale Bingo aperte in Italia negli ultimi anni sono circa 250. «Quello che sembrava un settore destinato a fantastici risultati economici e occupazionali – spiega Govoni – si è rivelato essere un vero e proprio flop. Le cause sono diverse: da una parte i costi del gioco hanno tenuto lontano una buona parte di potenziale clientela e dall’altra sono troppi gli imprenditori improvvisati che operano nel settore».