Cremonini, vola l’utile grazie a ipo Marr

29/03/2006
    mercoled� 29 marzo 2006

    Pagina 13

    Cremonini, vola l’utile grazie a ipo Marr

      L’ipo di Marr ha portato a un quadruplicamento degli utili 2005 del gruppo Cremonini. � quanto emerge dal bilancio approvato ieri dal gruppo, che ha registrato ricavi totali per 2.128,9 mln euro (+6,8%) e un utile netto di 40,6 mln (10,8 mln nel 2004). L’ebitda � salito a 117,1 mln (+2,6%), l’ebit a 71,5 mln (+1,1%) e l’utile ante imposte a 76,8 mln (+67,3%), risultato ottenuto appunto anche grazie ai proventi straordinari netti derivanti dall’ipo di Marr, che hanno inciso per 26,1 milioni. L’utile netto consolidato di competenza del gruppo � stato di 40,6 milioni, a fronte dei 10,8 milioni del 2004. Il patrimonio netto ha toccato i 363,8 mln (313) e l’indebitamento finanziario netto � sceso a 512,1 mln (567). La capogruppo ha chiuso il 2005 con ricavi per 135,4 mln (+2,2%) e un utile netto di 46,8 mln (10,5).

        Il settore della produzione ha registrato ricavi per 1.005,8 mln euro (1.005,4 mln nel 2004), un ebitda di 43,6 mln (47,1) e un ebit di 15,6 mln (20,7). Nel settore della distribuzione i ricavi sono stati di 882,3 mln (+12,2%), l’ebitda di 53 mln (49,4) e l’ebit di 45 mln (42,9 mln).

          I ricavi del settore ristorazione si sono attestati a 299,3 mln (+11,6%), l’ebitda a 26,9 mln (24,3) e l’ebit a 19,9 mln (17,5).

            Per il 2006 la societ� prevede un miglioramento della gestione ordinaria. Sar� proposto all’assemblea del 29 aprile un dividendo lordo di 0,226 euro, in pagamento dal 25 maggio.