Cremonini entro 2 mesi al 100% di Moto Italia

31/03/2006
    venerd� 31 marzo 2006

      Pagina 23 – Economia

      Cremonini entro 2 mesi al 100% di Moto Italia

        da Milano

        Il gruppo Cremonini acquisir� dalla britannica Compass il 50% della joint-venture Moto Italia, la societ� di ristorazione autostradale di cui possiede gi� il 50%, seconda nel nostro Paese al colosso Autogrill. Nata nel 2003, la societ� ha chiuso il 2005 con 130 milioni di fatturato e con un margine operativo netto positivo. Compass ha da tempo messo in vendita la propria divisione di ristorazione in concessione, e la cessione della quota di Moto Italia rientra in questa strategia.

        �Non � in corso una trattativa formale. Ma noi, grazie anche a patti parasociali che ci tutelano e che non lasciano dubbi, siamo i compratori naturali� ha spiegato ieri Vincenzo Cremonini, amministratore delegato del gruppo appartenente alla sua famiglia, che ha aggiunto: �Firmeremo entro un paio di mesi�. Sul prezzo non si � sbilanciato, precisando che i metodi di valutazione possono essere diversi. Attualmente Moto possiede 31 aree in Italia (ristoro pi� benzine) pi� due in Austria.

        �Intendiamo crescere e punteremo a nuove concessioni; le gare si riapriranno a breve� ha detto Cremonini. Il mercato italiano di market e ristoro autostradale vale un miliardo di euro all’anno: �Noi abbiamo attualmente una quota del 7% e vogliamo crescere fino al 15-20%�. Gli investimenti previsti per il 2006 dal gruppo Cremonini sono di 65 milioni: 20 nella produzione (nei quali sono compresi 5 milioni dell’insediamento produttivo in Russia; gli altri 5 saranno computati nel 2007), 20 nella distribuzione e 25 nella ristorazione. Proprio l’ultimo investimento in questo settore � stata l’occasione dell’incontro di ieri: Cremonini ha inaugurato a Rozzano il sesto ristorante �Roadhouse�, una catena di steakhouse per la quale sono stati acquisiti per 50 anni in tutta Europa i diritti sul marchio texano.

        Entro l’anno i ristoranti saranno 10, tutti a gestione diretta, per un fatturato previsto di 15 milioni (2 milioni ciascuno in ragione annua). L’ambiente � all’americana, molto gradevole, e la carne �, naturalmente, Cremonini, con un rapporto qualit�-prezzo molto competitivo.