Crac Despar, avviati 473 licenziamenti

13/04/2010

SALERNO— Vertenza Despar, è ufficiale: licenziamento per 473 lavoratori della società Gds srl che fa capo al gruppo Cavamarket di Antonio Della Monica. Ieri mattina, a margine dell’incontro informale svoltosi in prefettura tra il patron di Despar Campania e il prefetto Sabatino Marchione, è stato ufficializzato il cronoprogramma dell’attivazione delle procedure di mobilità per tutti i lavoratori delle dieci filiali Despar site a Salerno, Avellino, Benevento e Caserta. La decisione sarà sancita domani pomeriggio alle 15, presso la sede di Confindustria Salerno, dove si terrà una riunione tra Della Monica, il futuro acquirente dei punti vendita Despar Campania, il titolare di Despar Calabria Antonino Gatto, e i rappresentanti sindacali (Rdb, Cgil, Cisl e Uil), oltre a una delegazione dei lavoratori. Per i licenziati ci sarà almeno il paracadute sociale dell’indennità di mobilità che per un anno dovrebbe consentire alle famiglie di poter godere di un minimo reddito. Il problema si pone per gli altri dipendenti del gruppo Cavamrket, assunti per le altre società satellite dell’impero di Della Monica. «Se l’imprenditore metelliano – conferma Pietro Di Gennaro della Rdb – non porterà un piano di ristrutturazione aziendale dettagliato, non ci sarà la possibilità di concedere ammortizzatori sociali ai restanti 750 lavoratori».
Intanto proprio ieri, dal fronte del fallimento Alvi Spa, l’asta giudiziaria di aggiudicazione dei supermercati del gruppo di Villani non è andata a buon fine. I potenziali acquirenti dei supermercati hanno ritenuto troppo alto il prezzo di base.