Comunicati Stampa

Coronavirus: tutte le imprese commerciali rispettino e facciano rispettare il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri

11/03/2020
filcams_post_coronavirus_richiesteCommercio_big

Tutta l’Italia è zona rossa, e sono tante le misure restrittive imposte per evitare la diffusione del contagio del coronavirus.
Le lavoratrici e i lavoratori del commercio e della grande distribuzione sono particolarmente esposti a causa dell’affollamento della clientela e salvaguardare la loro salute è indispensabile, rispettando e facendo rispettare le indicazioni del DPCM 4/3/2020 e delle successive modifiche previste dal DPCM 09/03/2020.

Per questo le organizzazioni sindacali Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs hanno scritto alle aziende del settore per richiedere che vengano rispettate “le misure precauzionali per garantire e rassicurare i lavoratori, che in questo periodo stanno lavorando con sacrificio e dedizione, per garantire le aperture dei punti vendita e dei supermercati, al servizio dei cittadini. Attenzioni e adempimenti che vanno rivolti anche a tutte le lavoratrici e i lavoratori delle società che operano in appalto presso gli spazi delle strutture commerciali”.
In particolare ogni attività commerciale deve: esporre il decalogo del Ministero della Salute nei punti vendita; garantire la distanza minima di almeno un metro tra i lavoratori e i clienti, e i clienti stessi; dotare i lavoratori di guanti usa e getta e di gel alcoolico per il lavaggio delle mani; predisporre dispenser con gel alcoolico per il lavaggio delle mani a disposizione dei clienti; eseguire interventi di pulizia e sanificazione straordinaria per tutta la durata dell’emergenza e prevedere un filtro di ingresso in caso di afflussi importanti che dilazioni le entrate.
È importante coinvolgere i Rappresentanti dei Lavoratori alla sicurezza, le RSU/RSA sulle misure in materia prese dalle aziende e qualora saranno ravvisate mancanze si darà corso a tutte le azioni conseguenti al fine di tutelare la salute e la sicurezza delle lavoratrici e dei lavoratori.

Coronavirus – scarica e condividi il post