Cooperativa Morelli, comunicato sindacale 14/11/2016

COMUNICATO SINDACALE
Cooperativa Morelli siglato l’accordo per la gestione della crisi aziendale senza intaccare le retribuzioni dei soci e dei dipendenti ed incrementando l’occupazione

Nel rispetto del mandato dei soci lavoratori della Cooperativa Morelli, dopo l’assemblea degli stessi tenutasi lo scorso 5 novembre, si è svolto il 14 u. s. il confronto tra la presidenza e il C.d.A. della Cooperativa e Filcams Cgil, Fisascat Cisl, Uiltrasporti Uil per definire il piano di risanamento dell’impresa.

Il piano presentato dalla direzione della cooperativa il 05.11.2016, nel corso dell’assemblea dei soci è stato rigettato in quanto prevedeva, per far fronte allo stato di crisi, un contenimento dei costi generali ed interveniva in maniera pesante e sostanziale sulle retribuzioni, tredicesima, quattordicesima, ferie e permessi.

Piano di risanamento che era già stato presentato alle OO. SS. e alla rappresentanza sindacale dei lavoratori negli incontri svolti il 14 e 27 ottobre e che aveva trovato parere negativo delle stesse. Nella medesima istanza la compagine sindacale aveva formulato una proposta alternativa che permetteva di risanare i conti della cooperativa senza far sostenere ai soci e ai dipendenti il costo maggiore.

Nel confronto del 14 u. s. si è ripresa la discussione di merito rispetto alla proposta delle Organizzazioni Sindacali giungendo all’accordo sottoscritto nella nottata.

L’accordo raggiunto prevede un forte intervento di riduzione sui costi generali, sulle figure apicali, sulle somme concesse a titolo di liberalità, allo stesso tempo è stato individuato un percorso finalizzato ad intervenire sull’organizzazione del lavoro che consentirà la diminuzione del ricorso al lavoro somministrato rispetto all’attuale utilizzo. Ciò permetterà, da una parte di migliorare le condizioni dei soci e dei dipendenti attraverso l’ampliamento degli orari di lavoro e dall’altra l’attivazione di un processo di stabilizzazione degli stessi lavoratori somministrati.

Rispetto ai gravissimi sacrifici richiesti in precedenza con l’accordo siglato, gli interventi a carico dei soci e dei dipendenti si sono praticamente azzerati prevedendo, solo per l’anno 2016 le seguenti misure:
- n. 2 giornate di permessi legati alle ex festività per i soci-lavoratori
- n. 1 giornata di permessi legati alle ex festività per i dipendenti
attraverso la non maturazione e soppressione delle stesse giornate.

Ad iniziare dai prossimi giorni si terranno incontri a livello territoriale, dove verrà svolto un lavoro impegnativo per definire la nuova organizzazione del lavoro, per procedere nell’implementazione dei regimi orari dei lavoratori e avviare i processi di stabilizzazione dei lavoratori somministrati.

L’accordo sottoscritto è un successo rispetto alle premesse da cui si è partiti e permette di assicurare l’occupazione dei soci lavoratori e dei dipendenti, tutelare il reddito degli stessi, nonché garantire la continuità aziendale.

                      Filcams Cgil-Fisascat Cisl-Uiltrasporti Uil

Roma, 15.11.2016