Coop Ue, lavoratori più informati

04/02/2004

        Mercoledí 04 Febbraio 2004

        NORME E TRIBUTI


        Coop Ue, lavoratori più informati

        Comunitaria 2004 – Via libera del Consiglio dei ministri al disegno di legge che dovrà recepire 30 direttive


        La Comunitaria 2004 viaggia verso l’iter parlamentare dopo il varo del Consiglio dei ministri di ieri. Tra le numerose disposizioni, il Ddl prevede il recepimento della direttiva 2003/72/Ce sulle regole di partecipazione e di coinvolgimento dei lavoratori nella Società cooperativa europea (Sce). Il recepimento completerà così il quadro di riferimento dei diritti di informazione e di diretta partecipazione dei lavoratori in società che operano contemporaneamente su due o più mercati comunitari. Infatti, con le leggi comunitarie 2002 e 2003 si è recepito in rapida successione le seguenti direttive: – la 94/45/Ce costituisce all’interno delle imprese e dei gruppi di imprese di dimensione comunitaria un Comitato aziendale europeo (Cae) e crea una procedura per l’informazione e la consultazione dei lavoratori appartenenti alle suddette imprese; – la 2001/86/Ce regolamenta il coinvolgimento dei lavoratori nella costituzione e nello sviluppo della Società europea (Se). – la 2002/14/Ce introduce anche per le medie imprese un quadro giuridico generale e concrete misure per la tempestiva informazione e il diretto coinvolgimento dei lavoratori sugli eventi che direttamente o indirettamente influenzano le politiche di sviluppo e di occupazione delle relative imprese di appartenenza. La partecipazione dei lavoratori nella Sce. Nello stesso solco delle direttive citate, anche il provvedimento sulla Sce fissa regole precise per consentire la partecipazione dei lavoratori ai processi decisionali sia in fase di costituzione, che di gestione della Sce. In particolare, si vuol creare una Sce che non determini delle effettive discriminazioni o un concreto indebolimento dei diritti di partecipazione dei lavoratori alla vita e alla crescita delle società stesse. Le regole implicano per gli organi societari il rispetto di particolari procedure d’informazione e di consultazione che devono essere garantite anche a livello trasnazionale. La procedura per la partecipazione. Quando gli organi sociali di direzione e di amministrazione decidono la creazione della Sce devono adottare specifiche misure al fine di rispettare la partecipazione dei lavoratori ai processi decisionali di costituzione. Per questo devono intavolare con i lavoratori una vera e propria negoziazione che si sviluppa tra gli organi di direzione e di amministrazione delle società partecipanti e un gruppo speciale di lavoratori eletti o nominati direttamente all’interno delle singole strutture nazionali (gruppo di negoziazione). Gli Stati fissano le regole per la nomina dei lavoratori e possono prevedere che tra questi siano presenti soggetti appartenenti a organizzazioni sindacali. La trattativa si conclude con la redazione di un accordo scritto che fissi, in dettaglio, le regole di partecipazione dei lavoratori alla costituzione e alla vita della Sce. Il gruppo speciale può essere assistito nelle trattative da esperti comunitari. La partecipazione diretta dei lavoratori. I lavoratori, anche dopo la costituzione della Sce, partecipano attraverso loro rappresentanti eletti alla vita e alla gestione dell’impresa. Essi o propri rappresentanti vengono ammessi a partecipare, in base alle regole fissate nell’accordo di negoziazione, alle assemblee generali o se esistono, alle assemblee settoriali con diritto di voto. Inoltre la Sce garantisce la realizzazione di una politica di trasparenza e d’informazione, attraverso comunicati, avvisi e note informative. Questi documenti sono considerati necessari allo scopo di prefigurare al lavoratore eventuali situazioni o decisioni che dovessero direttamente o indirettamente mettere in pericolo il gruppo dei lavoratori dipendenti presenti nella specifica struttura interessata. Infine si sottolinea che sia per la partecipazione che per l’informazione dei lavoratori la direttiva contiene 4 allegati che disciplinano come i diritti debbano essere esercitati, o per meglio dire, quali sono gli obblighi che la Sce ha nei confronti dei lavoratori.

        BENEDETTO SANTACROCE