Coop Estense, anche la Cgil vuole trattare

10/07/2002



FERRARA
mercoledì 10 luglio 2002, Ss. Rufina e Seconda
   
        Prove di dialogo mentre continua la guerra dei numeri sulla giornata del 29 giugno
        Coop Estense, anche la Cgil vuole trattare
        Zapparoli: «Ma in Emilia ha scioperato il 64%»

        La Filcams-Cgil contesta le cifre, o meglio le percentuali, di Coop Estense e conferma che a Ferrara e a Modena lo sciopero del 29 giugno ha avuto un’adesione del 60-65%. Secondo l’azienda tra Emilia e Puglia ha scioperato non più del 38%. Sulla Puglia (42 in sciopero su 1200 dipendenti) nemmeno la Cgil recrimina. E’ il dato emiliano che viene messo in discussione. Coop Estense ha contato che su 3719 lavoratori emiliani 1809 (pari al 48,6%) hanno scioperato. Secondo Roberto Zapparoli, segretario provinciale della Filcams, ricavare la percentuale dai 3.719 addetti non è corretto, poichè dal totale bisogna togliere un buon 20% d personale in ferie, il 4% di donne in maternità e un 5-6% di lavoratori che sono a casa per malattia o infortunio. Insomma, per la Cgil, vi sarebbero circa 900 lavoratori da togliere dal conto. «Si arriva così a 2.800 persone e se come dice l’azienda, hanno scioperato 1809 lavoratori ecco che la vera percentuale diventa del 64%» afferma Zapparoli. Il sindacalista sull’invito di Coop Estense a riprendere la trattativa si triova concorde: «Anche noi siamo in attesa di riprendere a trattare e siamo convinti che vi siano le condizioni per un accordo, specie se si tiene conto delle nostre proposte».
        L’assemblea costitutiva dell’associazione Aprile (l’anima di sinistra dei Ds) ha espresso solidarietà ai lavoratori di Coop Estense e ritiene che le ipotesi di doppio regime salariale tra vecchi e nuovi assunti possano produrre lesioni tra i lavoratori.