CONTRATTO TERZIARIO, DISTRIBUZIONE COMMERCIALE, SERVIZI: FIRMATA LA STESURA DEFINITIVA, IL TESTO IN STAMPA

15/07/2005

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi
Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

15 luglio 2005

CONTRATTO TERZIARIO, DISTRIBUZIONE COMMERCIALE, SERVIZI: FIRMATA LA STESURA DEFINITIVA, IL TESTO IN STAMPA

I segretari generali di Filcams Fisascat Uiltucs, Ivano Corraini, Gianni Baratta, Brunetto Boco, e i segretari nazionali Marinella Meschieri, Pietro Giordano Bruno, Gianni Rodilosso, hanno posto la firma, con il presidente di Confcommercio Sergio Billè, alla stesura definitiva del contratto nazionale per il terziario, la distribuzione commerciale e i servizi, un contratto che inquadra 1,6 milioni di lavoratori.

Il testo approda ora in tipografia.

L’accordo per il rinnovo contrattuale del terziario era stato raggiunto il 2 luglio 2004, era poi seguita un’ampia consultazione delle assemblee nei luogo di lavoro e l’approvazione da parte dei lavoratori.

Per il lavoro di stesura definitiva, le parti sociali avevano deciso una sistematizzazione del testo, passando dalla suddivisione per parti alla divisione in sezioni. Con questa nuova suddivisione, le materie si trovano accorpate, cosa che semplifica la ricerca e la lettura sulla base di grandi temi. Per fare un esempio, alla "sezione prima", "sistemi di relazioni sindacali", si trovano i diritti d’informazione ai vari livelli sindacali.

In tipografia, oltre al testo del 2004, approderà anche il testo sottoscritto nel 1999 – il periodo contrattuale precedente l’ultimo contratto, che per varie ragioni e non ultima la stessa discussione che ora ha prodotto una nuova sistematizzazione del testo – che non era stato stampato.

Naturalmente, un contratto è valido dal momento in cui le parti appongono la loro firma, tuttavia, la versione a stampa del testo contrattuale a cura delle parti sociali assume il valore di riferimento certo per tutti gli atti vertenziali o interpretativi.

È previsto per la fine del mese anche la stesura del contratto nazionale firmato, sempre a luglio 2004, con Confesercenti.