CONTRATTO PULIZIE: FIRMATO BIENNIO ECONOMICO: 64,26 EURO AL LIVELLO MINIMO

27/06/2003

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

27 giugno 2003

CONTRATTO PULIZIE: FIRMATO BIENNIO ECONOMICO: 64,26 EURO AL LIVELLO MINIMO

Consenso unanime e accordo subito trovato per aggiornare economicamente il contratto nazionale delle imprese di pulizie. Appena due incontri e Filcams Fisascat Uiltrasporti hanno firmato con Fise-Anip (Confindustria), Confapi Unionservizi, Lega Cooperative-Ancst, Confcooperative Federlavoro, Agci-Ancosel il rinnovo del biennio economico scaduto il 25 maggio. Il secondo biennio contrattuale scadrà a maggio 2005. A quel punto il rinnovo riguarderà anche la parte normativa (quadriennale).

L’incremento retributivo mensile è di 64,26 euro al secondo livello (il minimo), di 69,56 euro al terzo livello (il medio) e di 82,54 euro al quinto (il livello di maggiore addensamento). L’aumento sarà pagato, ad esempio al quinto livello, con 32,38 euro a luglio, altri 32,38 euro a luglio 2004 e 17,78 euro a maggio 2005.

In percentuale l’incremento è pari al 2,49% sull’inflazione del biennio trascorso e del 4,01% sull’inflazione attesa per il biennio iniziato, per un totale del 6,50%. Una clausola riporta alla contrattazione che si aprirà a maggio 2005 il conguaglio sull’inflazione registrata nel biennio 2003-2005. Il tasso d’inflazione reale, positivo o negativo rispetto al 4,01%, sarà riportato nel successivo biennio economico.

«E’ la prima volta – dice Carmelo Romeo, segretario nazionale Filcams e responsabile del settore – che riusciamo a stipulare un accordo di biennio economico. Dal 1993, anno del noto protocollo che regola la contrattazione sindacale, siamo riusciti con grande fatica a rinnovare due volte il contratto nazionale ma senza aggiornamento del biennio. L’ incremento salariale ottenuto dal 1993, con i due contratti, non è andato al di là degli 80 euro. Questa volta si è trattato di un vero aggiornamento».

Nel settore operano più di 40mila aziende che impiegano 450mila addetti.