CONTRATTO INTEGRATIVO MCDONALD’S: RIAVVIATO CONFRONTO

29/03/2001

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa

29 marzo 2001

CONTRATTO INTEGRATIVO MCDONALD'S: RIAVVIATO CONFRONTO

E' ripartito il confronto tra sindacati e direzione McDonald's sul contratto integrativo di gruppo. Grazie alla mediazione del ministero del Lavoro, le parti hanno riaperto una discussione che si era totalmente interrotta nello scorso dicembre, ma che di fatto era in una situazione di stallo dal maggio del 1997, data in cui i sindacati avevano inviato a McDonald's le richieste per il contratto integrativo di gruppo.

La questione controversa: la sfera di applicazione del contratto integrativo. Per i sindacati il contratto deve valere per l'intero mondo McDonald's: per i locali a gestione diretta e per i locali in franchising, complessivamente 15mila dipendenti. Per la direzione McDonald's, che gestisce 22 locali su 295, deve valere per i soli 1500 dipendenti diretti.

Lo sblocco della situazione potrebbe venire dalla proposta formulata dal rappresentante ministeriale, che ha invitato le parti a mettere in coda al negoziato il punto controverso dell'applicazione del contratto. Per il rappresentante del ministero il confronto può andare avanti a partire dai contenuti della piattaforma presentata dai sindacati.

La direzione McDonald's, e i rappresentanti della Fipe, la Federazione dei pubblici esercizi di Confcommercio che assiste McDonald's nella trattativa, si sono riservati di consultare i licenziatari.

Il prossimo incontro è stato fissato per il 3 maggio.

Per la delegazione sindacale “il comportamento dell'azienda mette il negoziato sotto il segno dell'incertezza, e dunque non consente di revocare lo stato di agitazione”.