CONTRATTO IMPRESE PULIZIE: IL MINISTRO SALVI CONVOCA LE PARTI PER IL 2 MAGGIO

25/04/2001

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi

Ufficio Stampa

25 aprile 2001

CONTRATTO IMPRESE PULIZIE: IL MINISTRO SALVI CONVOCA LE PARTI PER IL 2 MAGGIO

Il ministro Cesare Salvi ha convocato per il pomeriggio del 2 maggio le associazioni datoriali e i sindacati dei lavoratori delle imprese di pulizie. L'invito che il ministro ha rivolto a Fise-Confindustria, alla Lega delle cooperative, a Confapi, a Confcooperative, all'Agci e a Filcams Fisascat Uiltrasporti è di avviare un confronto che metta la parola fine al rinnovo contrattuale.

Finora, negli incontri avvenuti presso il ministero del Lavoro, le parti non si sono confrontate direttamente. Secondo i sindacati ciò “non è stato possibile per il rifiuto opposto dalle controparti, che hanno accusato pretestuosamente il sindacato di aver rilanciato, mentre è da loro che sono venute posizioni oltranziste su tutti i punti del confronto. La pretesa delle associazioni datoriali - dicono i sindacati - era che le loro posizioni non fossero discutibili e costituissero il punto di arrivo non modificabile del negoziato”.

L'iniziativa del ministro costringe dunque le controparti al tavolo negoziale.

Il contratto per le imprese di pulizie, 400mila addetti, è scaduto ad aprile del 1999, ma il tavolo negoziale non è stato attivato che a gennaio del 2000, dopo uno sciopero e una manifestazione nazionale tenuta a Roma il 3 dicembre '99.