CONTRATTO IMPRESE DI PULIZIE: SINDACATI ESPRIMONO PREOCCUPAZIONE, PROSSIMO INCONTRO MARTEDI’ 8 MAGGIO

04/05/2001

FILCAMS-CgilFISASCAT-CislUILTRASPORTI-Uil
Federazioni lavoratori commercio turismo servizi

4 maggio 2001

CONTRATTO IMPRESE DI PULIZIE: SINDACATI ESPRIMONO PREOCCUPAZIONE, PROSSIMO INCONTRO MARTEDI' 8 MAGGIO

Dopo due giorni di trattativa al ministero del Lavoro, il 2 e 3 maggio, per rinnovare il contratto delle imprese di pulizie le segreterie nazionali di Filcams Fisascat Uiltrasporti hanno stilato la nota che segue.

“Le segreterie nazionali Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl, Uiltrasporti-Uil esprimono una valutazione estremamente preoccupata sull’andamento della trattativa per il  rinnovo del Ccnl dei 450 mila lavoratori delle pulizie, scaduto ormai da più di due anni.

“In particolare, nell’esame delle problematiche sulla classificazione si sono registrate distanze rilevanti, inaspettate e penalizzanti, sino ad ipotizzare da parte delle controparti un esteso sottoinquadramento di larghe fasce della categoria rispetto ai livelli oggi esistenti.

“Se l’obiettivo di Confindustria è il peggioramento delle condizioni attuali dei lavoratori, la strada del rinnovo contrattuale viene resa del tutto impraticabile.

“Per senso di responsabilità e come riconoscimento dell’impegno e degli sforzi posti in essere dal ministro Salvi e dagli uffici del ministero, le organizzazioni sindacali hanno accettato la proposta di prosecuzione della trattativa per martedì 8 maggio.

“La prossima sessione dovrà essere risolutiva per determinare con chiarezza gli esiti del confronto e registrare, ove esista, una reale volontà di portare a termine il negoziato, sconfiggendo la pretesa di Confindustria e delle altre parti datoriali di proseguire sulla strada della penalizzazione delle condizioni dei lavoratori e della disattesa degli accordi del luglio ’93.

“Le organizzazioni sindacali hanno convocato per la giornata di martedì 8 maggio la riunione degli organismi dirigenti della categoria per valutare l’andamento della trattativa e per assumere le decisioni conseguenti”.