Contratti: quasi sette milioni attendono il rinnovo

10/12/2007
    domenica 9 dicembre 2007

      Pagina 16 – Economia & Lavoro

      VERTENZE

        Quasi sette milioni
        attendono il rinnovo

          Chiuse le vertenze dei bancari e quella dei chimici – complessivamente oltre 550mila dipendenti interessati – restano ancora quasi sette milioni i lavoratori in attesa di rinnovo del contratto.

            Dipendenti pubblici. I contratti sono scaduti nel 2005. I sindacati hanno chiesto un aumento medio di 101 euro, ma l’accordo è stato raggiunto solo per i ministeriali (250mila lavoratori), parastatali (60mila) e scuola (circa 1 milione). Mancano ancora gli accordi per enti locali, sanità, agenzie fiscali. Tutti i contratti scadranno di nuovo a fine anno, mentre in Finanziaria – affermano i sindacati – le risorse previste non sono sufficienti.

              Metalmeccanici. La tornata di incontri tenutisi in settimana tra Fiom, Fim, Uilm e Federmeccanica e Assistal, in coincidenza della quale sono riprese le iniziative di lotta dei sindacati, si è conclusa con un nulla di fatto. Il contratto riguarda oltre 1,5 milioni di lavoratori ed è scaduto il 30 giugno. I sindacati chiedono un aumento di 117 euro medie oltre a 30 euro per i lavoratori che non fanno contrattazione integrativa. Federmeccanica propone un aumento molto inferiore. Per il 12 dicembre è previsto un nuovo round di incontri. Altri scioperi sono previsti nel corso della prossima settimana. Finora la categoria ha già fatto più di 20 ore di sciopero.

                Commercio. Il contratto, che interessa quasi due milioni di lavoratori, è scaduto a fine 2006. I sindacati chiedono aumenti di 78 euro per 14 mensilità. La categoria ha proclamato una giornata di sciopero da effettuare il 21 o il 22 dicembre ed ha chiesto ai consumatori di sospendere in quei giorni l’acquisto dei regali di Natale. Una seconda giornata di protesta è prevista per il mese di gennaio.

                  Ferrovie. Sono 120mila i ferrovieri che attendono il rinnovo del contratto scaduto a fine 2006. La richiesta di aumento è di 115 euro in media.

                    Giornalisti. Il contratto dei giornalisti è scaduto il 28 febbraio del 2005 e la trattativa non è mai davvero decollata a causa di alcuni nodi normativi come quello sulla disciplina del lavoro precario e del lavoro autonomo. Interessati al rinnovo sono 16.500 lavoratori.

                      Pulizia. Il contratto è scaduto da oltre due anni e riguarda circa 400mila lavoratori, in maggioranza donne. Il negoziato al momento è fermo.