“Conti” I consumatori esultano, ma è scontro

03/07/2006
    sabato 1 luglio 2006

    Pagina 4 – Economia

    Le reazioni

      I consumatori esultano, ma � scontro

        Proteste di farmacisti, banche e assicuratori. Antitrust: passo decisivo
        le reazioni

          Confindustria: "Cos� il Paese sar� pi� moderno ed efficiente"
          Assensi e polemiche sui provvedimenti varati dal governo

            LUCA PAGNI

              MILANO – Esultano le associazioni dei consumatori che calcolano fino a 500 euro i possibili risparmi all�anno per le famiglie. Si dicono soddisfatti sindacati e industriali. Insorgono banche, assicurazioni, commercianti e farmacisti. Fino ad arrivare alla clamorosa protesta dei tassisti, da Milano a Napoli. Il decreto sulla competitivit� del Governo sta spaccando il paese. Fortissime le contestazioni nei confronti il metodo, oltre che per il contenuto del testo: Prodi e il ministro Bersani vengono accusati di essere venuti meno alle promesse di concertazione. E a gran voce le categorie chiedono incontri urgenti. Fa da contraltare il giudizio del presidente dell�Antitrust, Antonio Citrical�: �Il provvedimento va nella direzione da tempo auspicata in favore dei consumatori e per il rilancio dell�economia�.

              Assicurazioni. L�Ania, l�associazione che raccoglie le compagnie di assicurazioni guidata da Fabio Cerchiai apre la teoria dei contrari: �Nel merito ribadiamo che la norma sull�agente plurimandatario rappresenta un danno per le imprese e i consumatori�.

                Banche. Ad attaccare il decreto del governo si accoda anche l�Abi. L�associazione delle banche italiane in un comunicato sottolinea �il suo stupore per un eventuale provvedimento che fissi in via amministrativa la variazione dei tassi praticati�. Una misura che viene definita �dirigistica e in palese contraddizione con le esigenze di concorrenza e liberalizzazione�.

                  Farmacisti. � la categoria pi� agguerrita: �Viene da pensare – � il parere del presidente dell�Ordine dei Farmacisti, Giacomo Leopardi – che la decisione di far vendere medicinali senza ricetta anche fuori dalle farmacie abbia poco a che fare con la salute ma guardi altri interessi�. Per Federfarma �si deve evitare l�assunzione di farmaci senza controllo medico come in America dove ci sono 100mila morti all�anno per abuso di medicinali�.

                    Commercianti. Se il presidente di Confcommercio Carlo Sangalli si chiede �se sia gi� finita la stagione della concertazione� e aggiunge che �occorre intervenire aprendo subito un tavolo di confronto�, Lino Stoppani, presidente della Federazione dei pubblici esercizi � categorico: �Aumentando il numero di bar e ristoranti, che sono gi� troppi rispetto agli altri paesi europei, si rendono solo pi� ingovernabili di quello che gi� sono oggi le nostre citt�.

                      Consumatori. Per tutte �il decreto Bersani va nella direzione giusta�. Per il Codacons le famiglie risparmieranno fino a 150 euro all�anno solo per i farmaci. Federconsumatori e Adusbef rilanciano e chiedono �che ora sia consentita la vendita di carburanti nei centri commerciali�.

                        Confindustria. Tra le associazioni di categoria quella degli industriali � la pi� schierata a fianco del governo. �Si tratta di un esempio delle cosiddette riforme a costo zero che Confindustria ha indicato da tempo come una delle leve fondamentali per rendere il sistema Italia pi� competitivo. Ora il governo resista a scontate pressioni corporative che troppe volte sono riuscite a imporsi�.

                          I sindacati. Commenti positivi dai confederali. Per la Cgil �� bene che il Governo cominci ad abbattere le rigidit� di settori protetti della societ� consentendo a tanti giovani di misurare la proposta capacit� senza l�oppressione asfittica di caste chiuse�. Il segretario della Cisl Raffaele Bonanni giudica �con favore quei provvedimenti che liberalizzano alcuni importanti servizi per ottenere pi� concorrenza e quindi prezzi e tariffe pi� bassi per i cittadini�.

                            Opposizione. Tra l�ironico e il polemiche le prime reazioni del centrodestra. Per il senatore Cesare Cursi di An �il Governo comincia a pagare le prime cambiali come quella a favore delle Coop�. Per Maurizio Lupi di Forza Italia �il governo ha inaugurato la fase della concertazione a giorni alterni�.