Consumatori in lotta contro Aiazzone

06/04/2011

«Ma come faccio ora? Non ho il divano nuovo, ho cominciato a pagare le rate e siamo tutti e due in cassa integrazione.
E in sala continua a esserci il divano sfondato». Un po` preoccupati, un po` con ironia, due signori di mezz`età, marito e moglie, torinesi, hanno raccontato così al loro avvocato, Stefania Varca, messo a disposizione dall`associazione consumatori utenti (Acu) del Piemonte. Il loro piccolo dramma mostra l`impatto sulle famiglie del crack Aiazzone e degli sviluppi dell`inchiesta della procura ro- mana che ha portato all`arresto di Gianmauro Borsano, Renato Semeraro e Beppe Gallo e ai domíciliari per Marco Adami. Il clima è surriscaldato, come dimostra anche il recente tentativo di incendio provocato nei giorni scorsi a un`esposizione Aiazzone a Torino. La scorsa settimana, in un incontro a Milano presso Assofin è stato deciso che chi non ha ricevuto alcun mobile non sarà costretto a continuare a pagare alle finanziarie le rate del finanziamento. Maè solo un primo punto di chiarezzatra i tan- ti su cui stanno lavorando le principali associazioni di tutela dei consumatori alle quali si stanno rivolgendo i clienti dei marchi Aiazzone e Semeraro. Qui sotto proponiamo storie "esemplari" seguite da Federconsumatori Piemonte. Come quella di un altro assistito dell`avvocato Varca. «Avevo i soldi in contanti per acquistare una cucina, 4mila euro, ma mi sono lasciato convincere ad acquistare col finanziamento a tasso zero. Ero andato precedentemente con mia moglie in un altro mobilificio e mi avevano fatto una proposta. Mentre tornavo verso casa mi sono accorto del mobilificio Aiazzone e ci
siamo detti"Andiamo a vedere". Il prezzo che ci hanno fatto era inferiore per un prodotto simile e ci siamo convinti a comprare da loro». Anche l`avvocato Marco Gagliardi lavora con Acu e mette in evidenza il problema di chi ha pagato in contanti. «La loro è una situazione per certi versi più complicata, perché il recupero dei soldi non è affatto facile. L`ipotesi più prossima sarà di inserirsi nel processo sul fallimento B&S».