“ConfInd” «Se si mette in discussione la storia…»

06/06/2006
    marted� 6 giugno 2006-06-06

    Pagina 8 -Economia

    AMAREZZADopo l’incidente il pranzo con il leader degli imprenditori. La telefonata del ministro Damiano

      �Se si mette in discussione la storia…�

        inviato a Varese
        Il tono � quello pacato di sempre. Ma chi lo conosce bene assicura che si vede, eccome, che Guglielmo Epifani � amareggiato per la sgarbata contestazione da parte degli industriali varesotti. Quando tutto � finito lo raggiungono sul palco i dirigenti della Cgil di Varese che gli strappano il primo sorriso con una battuta: �Capisci, adesso, con chi abbiamo a che fare noi tutti i giorni?�.

        Ma lui non getta benzina sul fuoco, non si lascia sfuggire alcun commento stizzito a chi gli domanda di tornare sull’episodio. �Sono dispiaciuto – si limita a dire riferendosi al rumoreggiare della platea alle sue parole – perch� era rivolto a una parte importante della storia del nostro paese�. E aggiunge: �Se si mette in discussione questo si manca di rispetto a quel pezzo di storia…�. Niente di pi�, perch� proprio questo � il punto: Epifani � un sindacalista, � consapevole, anzi abituato a incontrare anche ostilit�, non � la prima volta che – per dirla con Montezemolo – “gioca fuori casa”. Ma quegli ululati non sono partiti quando ha parlato di temi che sono oggettivamente al centro di un braccio di ferro tra imprenditori e sindacati, bens� quando ha rivendicato una storia fatta anche di �cultura del dovere� della sua organizzazione e quando ha accennato alla Storia, quella vera, quella che si studia (o almeno si dovrebbe studiare) sui libri.

        Tra l’altro quest’anno non � la prima volta che gli industriali lo accolgono maluccio. Era gi� accaduto, poche settimane fa, a Roma. E adesso sembra che Epifani non intenda partecipare a un analogo dibattito in occasione dell’assemblea degli industriali bresciani.

        Un clima, dunque, che difficilmente pu� preludere a quella stagione di nuova concertazione che adesso Confindustria vorrebbe aprire in fretta. E sar� un lavoro delicato quello che attende, si questo fronte, il ministro del lavoro Cesare Damiano, che ieri ha telefonato al leader della Cgil per manifestare la propria solidariet� e per ribadire l’intenzione di contattare le parti al pi� presto.

        Dopo l’infelice dibattito, tuttavia, ieri Guglielmo Epifani ha pranzato insieme a Montezemolo. E a tavola il presidente di Confindustria ha espresso il proprio rammarico per l’accaduto della mattinata, ribadito anche dalla rappresentanza degli industriali di Varese. Ma le dichiarazioni ufficiali sono di tono diverso: �Mi sembra eccessiva l’importanza che si � data a quanto avvenuto�, dice Montezemolo nel pomeriggio, quando gi� le agenzie battono, una dopo l’altra, le dichiarazioni di solidariet� di tutti i vertici del sindacato italiano. Quindi aggiunge: �Ho approvato l’atteggiamento di Epifani, anche perch� giocava fuori casa. Il dialogo e il confronto con i rappresentanti dei lavoratori deve avvenire nel rispetto reciproco e questo � un punto fermo�. E per fortuna la concertazione, non si far� a Varese.

        gp.r.