Comunicati Stampa

Confcommercio: Siglata intesa che ripristina l’erogazione della tranche sospesa ad ottobre 2016

30/09/2017
Confcommercio_big

Lo scorso 29 settembre, Filcams Cgil, unitamente a Fisascat Cisl e UILTuCS, ha siglato con Confcommercio l’intesa relativa alla ricollocazione della quarta tranche di aumento di 16 euro – parametrata al IV° livello, la cui erogazione era originariamente prevista con decorrenza novembre 2016 e di cui si era determinata la sospensione secondo quanto previsto dall’Accordo Integrativo al Contratto Nazionale sottoscritto il 24 ottobre 2016.

L’accordo sottoscritto, oltre a prevedere il ripristino dell’erogazione, nel mese di marzo 2018, della tranche sospesa, modifica la durata del Contratto Nazionale posticipandone la scadenza al 31 luglio 2018.

Nel verbale viene inoltre definita una clausola “di garanzia” che determina l’impegno delle parti ad “arginare fenomeni di dumping, soprattutto retributivo, e di garantire normali condizioni di concorrenza tra le imprese” e conseguentemente a considerare gli aumenti contrattuali previsti dal Contratto Nazionale TDS Confcommercio 30/03/2015, il riferimento retributivo in ordine all’eventuale definizione di Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro che insistano nella medesima sfera di applicazione.

Nell’ipotesi in cui si dovesse pervenire alla sottoscrizione di Contratti Nazionali rispondenti a tali parametri applicativi e che determinino incrementi salariali di entità inferiore è, di conseguenza, prevista “l’interruzione delle obbligazioni retributive rimanenti in caso di maturazione parziale delle stesse fino al riallineamento ai suddetti valori.

“Con la sottoscrizione dell’intesa” – dichiara Maria Grazia Gabrielli, Segretaria Generale Filcams CGIL – “si è formalizzata la conclusione della fase di sospensione dell’erogazione della IV ° tranche prevista dall’ultimo rinnovo, determinando la ricomposizione del complessivo incremento contrattuale pari ad 85 euro e la definizione dell’assetto del Contratto Nazionale TDS sottoscritto con Confcommercio nel marzo del 2015”.