Confcommercio – CCNL TDS, esito incontro 05/02/2014

Roma, 6 febbraio 2014

Nell’incontro del 5 febbraio è stata meglio indicata, da parte della delegazione Confcommercio, la proposta per affrontare il tema della classificazione del personale. Vengono riconfermate, come da precedente incontro, le 4 aree di intervento: ICT, Settore servizi, settore Auto e Distribuzione del Farmaco.

Settore Auto: è stato consegnato il documento che vi alleghiamo dove sono dettagliate le proposte di inserimento e integrazione rispetto a quanto già previsto nell’attuale classificazione del CCNL. La maggiore novità, è l’introduzione di una figura al V Liv con mansioni di operaio qualificato addetto a operazioni di manutenzione e semplici riparazioni di guasti.

Distribuzione del Farmaco: introdurre il nuovo profilo professionale dell’Allestitore di commissioni nei magazzini d’ingrosso medicinali con l’ausilio di supporti informatici. In realtà la richiesta tende a confermare l’inquadramento al V Liv di questa figura professionale che era stata discussa nella trattativa precedente e inserita nel CCNL TDS Separato.

Settore dei Servizi: vanno individuate le figure professionali presenti nelle Ricerche di Mercato, Società di Consulenza e Revisione, Servizi Assicurativi, Servizi Finanziari, Comunicazione e Marketing. Su questo settore, Confcommercio propone un lavoro di Commissione che in un lasso temporale di 6 mesi, sia in grado di produrre una proposta articolata. La necessità di ricorrere alla commissione è strettamente legata all’ impossibilità di avere oggi i dati sufficienti sulle nuove professionalità e sulla descrizione delle mansioni. Rilevazione che Confcommercio sta svolgendo a partire dalle esperienze consolidate nelle aziende afferenti ai settori indicati.

ICT: anche in questo caso, pur avendo più elementi per formulare la proposta, la richiesta è stata comunque di costruire una commissione ad hoc per analizzare sia le nuove figure emerse nel settore sia per produrre una selezione delle figure in disuso o obsolescenti. La base di partenza per affrontare la nuova classificazione è data da un lavoro svolto a livello europeo in cui è stata definita una base comune di competenze e di profili del settore ICT (European Competences Framework).

Reperibilità: normare l’istituto della reperibilità per particolari figure del settore ICT.

L’illustrazione fornita ha iniziato a dare dei contorni un po’ più certi al lavoro da svolgere sulla classificazione del contratto.

Sul settore Auto, abbiamo osservato che le proposte Confcommercio non colgono le esigenze che noi abbiamo registrato nelle aziende del settore oltre ad avere molte perplessità sull’introduzione della figura e delle attività indicate per l’operaio comune di V Liv.

Sulla Distribuzione del Farmaco l’introduzione di una figura di V livello che non tiene conto delle reali dinamiche organizzative delle imprese, sempre più orientata alla fungibilità e pluralità delle attività, risulta una modalità con cui calmierare solo il costo attraverso il sotto inquadramento.

Sul settore dell’ICT, il punto di partenza indicato che fa riferimento all’ European Competences Framework è condivisibile seppur non esaustivo. L’utilizzo della Commissione per lavorare sull’analisi dei diversi settori, considerando gli scarsi risultati raggiunti negli anni precedenti, è un metodo possibile ma solo per gli aspetti che richiedono oggettivamente un’analisi più complessa e solo se, contestualmente, alcune risposte sulla classificazione vengono comunque definite.

Sulla reperibilità, riteniamo che sia un istituto certamente riferibile al settore ICT ma che deve trovare una disciplina anche per altri ambiti poiché è una modalità operativa in molte aziende anche del settore servizi e nelle aziende commerciali.

L’incontro si è concluso definendo sull’ICT l’attivazione della Commissione parallelamente al tavolo di trattativa. Il primo appuntamento è stato fissato per giovedì 20 febbraio dalle ore 10.00 alle ore 12.30 in sede Confcommercio. Sulla Distribuzione del Farmaco, Confcommercio si riserva di chiarire l’ambito di applicazione della nuova figura professionale di V Liv proponendo una descrizione articolata delle attività riconducibili al IV e V Liv al fine di chiarire meglio le differenze. Sul settore Auto effettueranno un approfondimento sulle considerazioni che sono state avanzate. Sulla reperibilità hanno registrato la nostra posizione, ma confermando che il campo di applicazione è chiaro nel settore ICT e forse può trovare una definizione anche per i Servizi alle imprese mentre è complicato adattarlo al settore del commercio.

Il prossimo incontro – dove sarà affrontato il tema dell’Organizzazione del Lavoro – è confermato per mercoledì 12 febbraio ore 14.00 -17.00 presso la sede di Confcommercio in P.zza G. Belli n. 1 – Roma.

p. la Filcams Cgil Nazionale

M. Grazia Gabrielli