Conbipel, esito incontro 21/01/2011

Roma, 28 gennaio 2010

TESTO UNITARIO

si è svolto il 21 gennaio u.s. l’incontro con Conbipel che aveva ad oggetto il piano di ristrutturazione dell’azienda e la presentazione della piattaforma.

RISTRUTTURAZIONE

L’azienda ha presentato la sintesi rispetto alle chiusure dei punti vendita avvenute nel 2010 e l’utilizzo contestuale degli ammortizzatori sociali. I risultati dimostrano la ricollocazione della maggior parte dei dipendenti coinvolti dalle chiusure, nel dettaglio:

· Torino: ricollocazione dell’intera forza lavoro

· Roncadelle: idem

· Padova: idem

· Parma: prospettiva di apertura nuovo negozio marzo che riassorbirà i 4 dipendenti che oggi sono in cassa integrazione.

· Milano Vittorio: 3 dipendenti in cassa., 17 ricollocati presso altri negozi, 12 in mobilità volontaria. Dei 3 in cassa, 2 hanno trovato nuova occupazione mentre 1 sta per raggiungere i requisiti per la pensione.

· Bolzano: è stata offerta la possibilità di essere reintegrati in provincia di Trento, ma non essendo stata considerata accettabile la proposta, si aperta una procedura territoriale che prevede la mobilità.

· Napoli: chiuso il 30 settembre. Dei lavoratori presenti, 2 hanno dato le dimissioni in novembre, 1 è in maternità, tutti gli altri sono stati assorbiti nel negozio di Giuliano.

· Codevilla: chiuso anticipatamente. Tutti i dipendenti sono stati ricollocati nei negozi limitrofi.

· Bari: chiuso con accordo sindacale locale che ha previsto il riassorbimento completo (10 dipendenti) in p.v. nuovi limitrofi.

· Savona: riassorbiti per un periodo in altri negozio, poi è stato aperto nuovo negozio e sono tornati a Savona.

Rispetto alle chiusure previste per il 2011, che inizialmente dovevano coinvolgere 15 punti vendita, la direzione aziendale ha annunciato 11 negozi in chiusura tra il 15 febbraio e il 10 di maggio, con il coinvolgimento di 75 dipendenti ( allegato 1).

Le OOSS hanno espresso la preoccupazione rispetto alla terza procedura che dal 2009 ha visto la chiusura di diversi punti vendita con la conseguente perdita del livello occupazionale e hanno quindi chiesto garanzie rispetto al business plan presentato nel precedente incontro in cui si parla di espansione aziendale.

La Conbipel ha confermato la volontà di crescita, affermando che si è fatto di tutto per ridurre i costi di affitto dei negozi in difficoltà e che i progetti hanno tutti un’ottica di lungo periodo, ma che il nuovo management si è trovato a dover risolvere una situazione pregressa che presentava molte inefficienze.

Le OOSS hanno inoltre chiesto una maggiore attenzione alle comunicazioni ai dipendenti in merito alle chiusure, anche nel rispetto di quanto condiviso nel protocollo sulle relazioni sindacali sottoscritto il 26.2.10.

Per proseguire la discussione sulla richiesta di cassa integrazione inviata dall’azienda in data 26/01/11 ( allegato 2), le parti si incontreranno

MERCOLEDI’ 9 FEBBRAIO ore 10.30 FIRENZE

presso l’Hotel Londra in Via Jacopo da Diacceto, 16/20 (Zona S. Maria Novella )

PRESENTAZIONE PIATTAFORMA

Le OOSS hanno presentato la piattaforma, inviata all’azienda in data 2.12.10, sottolineando l’importanza dell’avvio di una discussione costruttiva.

La direzione aziendale si è detta disponibile a confrontarsi su ognuno degli argomenti presenti in piattaforma ritenendo che da tale percorso entrambe le parti possano avere dei benefici. Ha però sottolineato la preoccupazione rispetto ai costi che tale accordo può comportare, ricordando la situazione ancora di difficoltà in cui l’azienda.

Le parti inizieranno il confronto sui temi della piattaforma MERCOLEDI’ 2 MARZO

MILANO (sede da definire)

Quanto prima vi faremo avere la conferma degli incontri e i dettagli relativi a orari e sedi.

p. La Filcams – CGIL Nazionale

Daria Banchieri