COMPAGNIA GENERALE TRATTORI (CGT): NUOVO CONTRATTO INTEGRATIVO

20/05/2005

FILCAMS-Cgil
Federazione lavoratori commercio turismo servizi
Ufficio Stampa
www.filcams.cgil.it

20 maggio 2005

COMPAGNIA GENERALE TRATTORI (CGT): NUOVO CONTRATTO INTEGRATIVO

Un nuovo contratto integrativo è stato firmato dalle rappresentanze sindacali di Filcams Fisascat Uiltucs alla CGT (Compagnia Generale Trattori), la rete di vendita, assistenza e manutenzione – 24 sedi – delle macchine movimento terra Caterpillar. Il nuovo contratto è valido anche per CGT Logistica Sistemi (CLS): altre 5 sedi. CGT e CLS impiegano un totale di 1.150 dipendenti.

L’integrativo è passato al vaglio delle assemblee e del voto in tutte le sedi, dove ha ottenuto 738 voti a favore su 798 votanti, 46 voti contrari e 14 astensioni.

«Un accordo – commenta Bruno Rastelli, responsabile Cgil del settore Quadri del commercio – chiuso proprio in occasione del 35° anniversario dello Statuto dei lavoratori, che dimostra come con la contrattazione integrativa sia possibile recuperare posizioni rispetto al contratto nazionale».

I contenuti del contratto.

* rafforzamento della legge sulla sicurezza (626), in particolare con il monitoraggio anche degli incidenti risolti senza danno alle persone

* impegno aziendale sulla formazione per oltre 10mila ore per 4 anni

* ridotto il periodo d’apprendistato dai 4 anni – previsti dal Ccnl firmato a luglio 2004 – a 3 anni

* anticipazione ad aprile 2006 della tranche salariale prevista dal Ccnl per settembre 2006

* pagamento della seconda tranche dell’una tantum, prevista dal Ccnl, a tutti gli assunti nel 2003, e agli assunti dal 1 gennaio al 30 giugno 2004 (questione sulla quale è aperto un contenzioso con Confcommercio) e di cui ne beneficiano 88 lavoratori

* per i Quadri, abbassamento da 55 a 51 anni della tutela sui trasferimenti

* ancora per i Quadri, aumento dell’indennità di funzione a 360 euro su 14 mensilità, non riassorbibile

* l’indennità professionale per i 1° livelli è portata a 75 euro mensili

* a tutti i dipendenti sarà pagata una una tantum di 516,46 euro

* una nuova anticipazione sul salario variabile di 240 euro sarà pagata a maggio di ogni anno a partire dal maggio di quest’anno : questa nuova quota si aggiungerà alle anticipazioni già in essere di 180 euro ad aprile e 180 euro a settembre

* elevazione da 1.807 a 2.400 euro del massimo di salario variabile raggiungibile con il massimo di fatturato : il premio variabile è uguale per tutti

* aumento di tutte le indennità

* l’intero integrativo è applicato ai nuovi assunti anche in caso di nuove aperture.

Per Bruno Rastelli «è stato raggiunto un importante risultato complessivo, e in particolare per i Quadri e le alte professionalità, che sana a livello aziendale una ferita prodotta da Confcommercio al tavolo del negoziato per il contratto nazionale. Va ricordato che l’indennità di funzione non era stata incrementata, incremento che abbiamo raggiunto ora con la contrattazione aziendale».