Comoli Ferrari & C., Ipotesi Piattaforma rinnovo CIA 19/03/2008

IPOTESI DI PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CIA COMOLI & FERRARI

Premessa

Il vigente CIA ha rappresentato un importante primo risultato delle relazioni sindacali fra le Organizzazioni Sindacali e la Comoli Ferrari.
Dalla sua sottoscrizione, la Comoli Ferrari, tramite importanti acquisizioni (CISA), ha affrontato una forte espansione, sino ad affermarsi quale Azienda leader nel settore della vendita e distribuzione di materiale elettrico. E’ stata proprio la complessità di una operazione come l’assorbimento della realtà genovese ad indurre le OO.SS, consapevoli della necessità di un periodo di assestamento, a non richiedere da subito l’estensione del CIA ai “neoassunti”.
E’ ora necessario adeguare il CIA alla mutata realtà aziendale, alle sue nuove dimensioni e complessità, costruendo un sistema di Relazioni Sindacali, per una proficua collaborazione fra la Comoli Ferrari e le OO.SS
Premessa ineludibile è l’armonizzazione fra le varie realtà all’interno della Comoli Ferrari, così come previsto dagli articoli 3, 4, 5 e 6, del vigente CIA, in particolare per tutte le acquisizioni e le nuove aperture, effettuate durante la vigenza del CIA stesso.

Ambito di applicazione

Il presente Cia si applica a tutte le filiali della Comoli Ferrari, ivi comprese future acquisizioni e/o nuove aperture.

Sistema di Relazioni Sindacali

Alla luce dell’espansione aziendale degli ultimi anni, è necessario definire un Sistema di relazioni Sindacali, con specifiche competenze a livello Nazionale, Territoriale e Aziendale;

-Livello Nazionale: si richiede di dare piena attuazione a quanto previsto dall’art. 3 del vigente CCNL, prevedendo, inoltre, informativa su piani di sviluppo in essere ed investimenti previsti, processi di terziarizzazione ed internazionalizzazione. Impiego delle risorse stanziate dall’azienda per promuovere la professionalità dei lavoratori (corsi di formazione, addestramento, aggiornamento) ed i dati di coinvolgimento dei lavoratori, suddivisi per genere, livello di inquadramento e tipologia di contratto (vedi L.125/91). Si richiede, inoltre, che venga data l’informativa anche sul percorso formativo degli apprendisti.

    -Livello territoriale: si richiede di attuare quanto previsto dall’art. 3 del vigente CCNL, per quanto di carattere territoriale e/o regionale.

    -Livello Aziendale: si richiede, ogni sei mesi, di dare informativa alle RSA/RSU e/o alle OO.SS territoriali su riepilogo ferie e permessi, straordinari e supplementari svolti, utilizzo delle diverse tipologie di contratti di lavoro.

    Enti Bilaterali

    Al fine di rendere fruibili per l’Azienda e per i lavoratori gli strumenti messi a disposizione dagli Enti Bilaterali territorialmente competenti, si chiede che ad essi venga destinato il versamento dei contributi previsti dal vigente CCNL.

    Inquadramento e mansioni

    Si richiede la verifica dei livelli di inquadramento e mansioni, con tempistica da stabilire alla firma del rinnovo del CIA, anche alla luce del fatto che, in Comoli Ferrari, sono presenti figure professionali non previste dall’attuale declaratoria contrattuale. Vanno definiti, inoltre, gli aspetti normativi del ruolo del “venditore”.

    Organizzazione del lavoro

    Si chiede di rivedere e di riformulare i commi 1, 2 e 3, dell’art.1 del vigente CIA.
    1)Ferie: disciplina come da CCNL, per quanto attiene a maturazione, accantonamento, godimento; elaborazione del piano ferie con le RSA/RSU, e/o con le OO.SS territoriali; estendere la possibilità di fruire di 3 settimane consecutive nel periodo estivo.
    2)Rol: disciplina come da CCNL per quanto attiene a maturazione, accantonamento, prevedendo diverse modalità per agevolare lo smaltimento dei rol residui, da attuarsi territorialmente in accordo con le RSA/RSU.
    3)Lavoro straordinario: ferma restando la volontarietà, è necessario riformulare il comma 3 dell’art. 1 del Cia, in accordo con quanto previsto dal CCNL, regolamentando la “flessibilità”.
    4)Pause: regolamentare come da Leggi vigenti.

    Missioni e Trasferte

    Si richiede di regolamentare spese e rimborsi per missioni e/o trasferte.

    Formazione

    Si richiede di concordare percorsi formativi, con particolare attenzione alla riqualificazione del personale in caso di nuove acquisizioni, che ne consentano il reinserimento nella conseguente mutata realtà aziendale. E’ utile, a tale scopo, l’utilizzo del fondo interprofessionale previsto dal CCNL – Forte.

    Salario Variabile

    Si richiede di rivedere l’erogazione del salario variabile per quanto attiene alla quantità, al metodo di calcolo ed alle modalità di erogazione.

    Ticket Restaurant

    Si chiede di adeguare l’importo tenendo conto dell’aumento del costo della vita.