Commercio: Riprende la trattativa

01/07/2004



 
   
1 Luglio 2004
ECONOMIA







 

COMMERCIO
Riprende la trattativa


Milano A sorpresa, ma mica tanto, ieri sera Confcommercio e sindacati hanno ripreso le trattative per il rinnovo del contratto.
Chiaro l’intento d’annullare per la seconda volta lo sciopero proclamato per sabato.
La sconcerto nei luoghi di lavoro è alle stelle.
Intervento a gamba tesa del ministro del welfare Maroni: «Invito caldamente Confcommercio a non chiudere un contratto che escluda la legge Biagi. Significherebbe dare ragione a chi ha definito l’opera di Biagi un libro limaccioso. Il veto della Cgil non deve avere successo».
Carla Cantone, segretararia della Cgil nazionale, definisce l’uscita di Maroni «intollerabile, spregiudicata e ricattatoria».
La Cgil, aggiunge, non ha mai condiviso la legge Biagi e nei contratti già firmati «si è sforzata di contenere i suoi guasti».
Giorgio Santini, della segreteria Cisl, giudica «sbagliato e sconcertante» l’intervento del ministro. Ma precisa che è falso affermare che il contratto del commercio escluda la legge Biagi: «Abbiamo solo cercato di migliorla sul part time». Raramente una trattativa era stata condotta in un modo così disastroso
(m. ca.).