Commercio, maxintesa a tre

02/10/2001

Il Sole 24 ORE.com






Agorà s’allea con Esselunga e Selex
Divorzio tra Metro e Carrefour
    Commercio, maxintesa a tre
    MILANO – Nuovi assestamenti nl settore commerciale italiano. Si rafforza la centrale acquisti costituita in agosto dai gruppi Selex ed Esselunga: all’intesa ha aderito anche Agorà network. La nuova centrale acquisti e marketing, di cui Giuseppe Caprotti è presidente e Riccardo Francioni consigliere delegato, completerà la fase organizzativa in ottobe, in modo da iniziare le intese con l’industria a partire da novembre.
    Con l’adesione di Agorà – sottolinea una nota – la quota di mercato (supermercati e ipermercati) del nuovo polo distributivo sale, secondo i dati di Iri-Infoscan, dal 13,14% al 14,50% considerando anche i nuovi ingressi in Selex. Il giro d’affari complessivo del nuovo polo distributivo passa da 7,4 miliardi a 8,7 miliardi di euro (ossia oltre 16mila miliardi di lire, dati 2000) Le prospettive del 2001 fanno prevedere un volume complessivo di circa 9,5 miliardi di euro (18.400 miliardi di lire) grazie anche ai piani di sviluppo in atto nei tre gruppi.
    «L’adesione di Agorà – Giuseppe Caprotti, presidente della nuova centrale – è un segnale tangibile e concreto della volontà di realizzare l’unione dei distributori indipendenti del nostro Paese».
    Il gruppo Agorà network è una alleanza composta da tre socità: Poli di Trento, Sogegross di Genova e Iperal di Sondrio. Agorà conta una rete di 127 punti vendita diretti (per una superficie di 136.500 metri quadrati) di cui 91 tra ipermercati, superstore e supermercati, 10 grandi unità specializzate nel tessile casa, 5 cash&carry all’ingrosso e 21 soft discount. Alla rete delle unità di vendita di proprietà, si aggiungono oltre 70 negozi in affiliazione. Nel 2000 Agorà Network, che conta 3mila addetti, ha realizzato un giro d’affari di 816 milioni di euro (1.580 miliardi di lire) che dovrebbe salire a quota 929 milioni di euro (1.800 miliardi di lire) nel 2001.
    Esselunga, un’impresa familiare indipendente con sede a Milano, gestisce esclusivamente supermercati e superstore (111 punti vendita), con un fatturato 2000 di oltre 3 miliardi di euro, questa impresa detiene una quota di mercato in Italia del 4,4% (e del 7,7% per il mercato italiano degli ipermercati e dei supermercati).
    Selex che riunisce 24 gruppi della moderna distribuzione ha raggiunto nel 2000 un giro d’affari al consumo di 4,4 miliardi di euro (8.600 miliardi li lire) con una rete di 1.990 punti di vendita. Il Gruppo ha chiuso i primi 8 mesi del 2001 con una crescita di oltre il 10% delle vendite (a fine giugno la crescita era stata del 9,4%) confermando l’obiettivo di fatturato al consumo di 4,8 miliardi di euro (9.300 miliardi di lire) previsto per il 2001. In selex è entrata la Multimarkets di Sassari.
    Infine, Carrefour e Metro hanno ultimato il processo di razionalizzazione delle attività incrociate in Italia e Francia. Carrefour cederà a Metro il suo 20% in Metro France, mentre il gruppo tedesco passerà a Carrefour il suo 20% nelle società che gestiscono cinque ipermercati Carrefour in Italia.
    Vincenzo Chierchia
    Martedí 02 Ottobre 2001
 
|
 
Tutti i diritti riservati © 24 ORE NetWeb S.p.A.
   

…………………………………..