Comunicati Stampa

Commercio, a Ferragosto astensione dal lavoro in Emilia Romagna, Trentino e sciopero in Toscana

11/08/2016

Contrari alle liberalizzazioni degli orari e delle aperture nel commercio introdotte dal Decreto Salva Italia. Contrari, ancor di più, dopo che le preoccupazioni avanzate dai sindacati sono diventate realtà: le aperture 7 giorni su 7 nel commercio non hanno portato benefici al settore, ne aumenti di consumi ne tanto meno, benefici sull’occupazione.

È per questo che in Toscana, le organizzazioni di categoria Filcams, Fisascat e Uiltucs hanno proclamato lo sciopero e l’astensione dal lavoro per l’intera giornata del 15 agosto.

I sindacati, in una nota congiunta, chiedono la modifica della legge, ed esprimono la volontà di “normare, con il confronto fra le parti sociali e Istituzionali, la materia delle aperture domenicali e festive e degli orari, demandando ai territori e alla contrattazione la loro definizione, per un modello sostenibile del lavoro, del commercio, per città più vivibili, all’insegna della cultura e non del solo consumo, per una maggiore contrattazione in difesa dei più deboli, per la difesa dei valori civili e religiosi.”
Anche in Emilia Romagna i sindacati dei lavoratori del commercio confermano la netta contrarietà alle aperture festive nel settore del commercio: “Oggi vediamo rafforzato quanto da noi sempre sostenuto sulla base dei contenuti del contratto collettivo nazionale di lavoro: la disponibilità al lavoro festivo è una scelta libera e autonoma di lavoratrici e lavoratori”.

Filcams, Fisascat e Uiltucs dell’Emilia Romagna invitano i lavoratori del commercio e gli addetti di tutte le attività svolte all’interno dei centri commerciali ad astenersi dal lavoro.

Anche Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs del Trentino confermano la netta contrarietà alle aperture festive nel settore del commercio e della distribuzione cooperativa. einvitano all’astensione dal lavoro per tutto il turno di lavoro nella giornata del 15 agosto 2016, “ricordando ai lavoratori che sulla base delle norme contrattuali vigenti, e alla luce delle recenti sentenze della Cassazione, potranno rifiutarsi di effettuare prestazioni lavorative in tutte le festività, senza incorre in nessuna sanzione”.

Prosegue intanto la campagna contro la totale liberalizzazione degli orari e delle aperture commerciali della Filcams Cgil Nazionale La Festa Non si vende.

Ferragosto – 15 agosto 2016 – La Festa Non si vende

Guarda tutte le immagini della campagna