Come deve essere il contratto di somministrazione

Il contratto di somministrazione tra il somministratore e l’utilizzatore deve essere stipulato in forma scritta e deve contenere inderogabilmente i seguenti elementi:
a) gli estremi dell’autorizzazione rilasciata al somministratore;
b) il numero dei lavoratori da somministrare;
c) i casi e le ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo
d) l’indicazione della presenza di eventuali rischi per l’integrità e la salute del lavoratore e delle misure di prevenzione adottate;
e) la data di inizio e la durata prevista del contratto di somministrazione;
f) le mansioni alle quali saranno adibiti i lavoratori e il loro inquadramento;
g) il luogo, l’orario e il trattamento economico e normativo delle prestazioni lavorative;
h) assunzione da parte del somministratore della obbligazione del pagamento diretto al lavoratore del trattamento economico, nonché del versamento dei contributi previdenziali;
i) assunzione dell’obbligo dell’utilizzatore di rimborsare al somministratore gli oneri retributivi e previdenziali da questa effettivamente sostenuti in favore dei prestatori di lavoro;
j) assunzione dell’obbligo dell’utilizzatore di comunicare al somministratore i trattamenti retributivi applicabili ai lavoratori comparabili;
k) assunzione da parte dell’utilizzatore, in caso di inadempimento del somministratore, dell’obbligo del pagamento diretto al lavoratore del trattamento economico nonché del versamento dei contributi previdenziali, fatto salvo il diritto di rivalsa verso il somministratore.

NB:In mancanza di forma scritta con l’indicazione degli elementi di cui alle precedenti lettere a), b), c), d) ed e) il contratto di somministrazione è nullo e i lavoratori sono considerati a tutti gli effetti alle dipendenze dell’utilizzatore e ciò fin dall’inizio dell’attività.
Nel caso di somministrazione di lavoro a tempo determinato è nulla ogni clausola diretta a limitare, anche indirettamente, la facoltà dell’utilizzatore di assumere il lavoratore al termine del contratto di somministrazione.Tale nullità non trova applicazione nel caso in cui al lavoratore sia corrisposta una adeguata indennità, secondo quanto stabilito dal contratto collettivo applicabile al somministratore


Come deve essere il contratto di fornitura
Il CONTRATTO di FORNITURA deve:
·essere stipulato in forma scritta
·Indicare il numero dei lavoratori richiesti
·Le mansioni alle quali saranno adibiti ed il loro inquadramento
·Il luogo, l’orario e il trattamento economico e normativo delle prestazioni
·L’impegno dell’impresa fornitrice al pagamento diretto al lavoratore del trattamento economico nonché del versamento dei contributi
·L’obbligo dell’impresa utilizzatrice a rimborsare il fornitore gli oneri retributivi e previdenziali per il lavoratore
·L’obbligo dell’impresa utilizzatrice del pagamento diretto del lavoratore e del versamento dei contributi in caso di inadempimento dell’impresa fornitrice
·La data di inizio e di termine del contratto di fornitura
·I dati dell’autorizzazione rilasciata all’impresa utilizzatrice

Sono nulle le clausole che impediscono all’impresa utilizzatrice di assumere il lavoratore al termine del contratto
Copia del contratto di fornitura deve essere trasmessa dall’impresa fornitrice alla direzione provinciale del lavoro
In assenza della forma scritta del contratto di fornitura il lavoratore si considera assunto a tempo indeterminato dall’impresa utilizzatrice.