Collaborazioni: volantino ai lavoratori

ALLE LAVORATRICI, AI LAVORATORI CON CONTRATTI DI COLLABORAZIONE A PROGETTO, COLLABORATORI CON O SENZA PARTITA IVA, occasionali e non

Vi informiamo che la legge finanziaria n. 297/06, prevede la possibilità – per i lavoratori con contratti a progetto, collaborazioni occasionali e non, con o senza partita IVA, la trasformazione del rapporto di collaborazione in rapporto di lavoro subordinato ovvero in rapporto di lavoro dipendente.

La legge stabilisce che possono essere effettuati accordi sindacali che prevedano tali trasformazioni, purchè siano effettuati entro il 30 aprile 2007.

Se lavori con questo tipo di contratto in una azienda del commercio, in un supermercato, in un bar, in una azienda che effettua pulizie, in studi di consulenza, di avvocati, in aziende di ristorazione, in imprese di vigilanza, ecc. rivolgiti a Filcams-CGIL, Fisascat-CISL, Uiltucs-UIL della tua città affinché le organizzazioni sindacali verifichino il tipo di contratto di lavoro che hai e per richiedere gli incontri per la trasformazione dei rapporti di lavoro.

Nei nostri settori esistono commesse, baristi, addetti alle pulizie, ecc. che lavorano con i contratti a progetto e nella maggioranza dei casi, sono rapporti di lavoro dipendente.

A seguito dell’accordo sindacale che prevede la trasformazione del rapporto di lavoro, dovrai sottoscrivere un atto di conciliazione individuale rispetto alle differenze salariali che si dimostreranno rispetto a quello che hai percepito e quanto avresti dovuto percepire sulla base del lavoro dipendente.

Le aziende che assumeranno a tempo indeterminato, beneficeranno, oltre che della ricostruzione previdenziale agevolata, del cuneo fiscale di 5 mila euro (10 mila per il sud ) per ogni contratto trasformato a tempo indeterminato.

Non avere paura, rivolgiti al sindacato. Fai verificare il tuo contratto!!
Non perdere questa occasione per rivendicare i tuoi diritti (ferie retribuite, tredicesima e quattordicesima mensilità, malattia retribuita, ecc.).

Filcams-CGIL
Fisascat-CISL
Uiltucs-UIL

Roma 24 gennaio 2007