Colf, 77% in nero

15/12/2003


VENERDÌ 12 DICEMBRE 2003

 
 
Pagina 45 – Economia
 
 
IL LAVORO
Via dal sommerso in trecentomila

Colf, 77% in nero


          ROMA – Trecentomila lavoratori in nero emersi e 700 mila immigrati regolarizzati, che sono il 18% dell´intero stock del lavoro sommerso. Questi i risultati dell´azione del governo contro l´economia sommersa, annunciati ieri dal ministro Roberto Maroni alla Conferenza europea sull´emersione a Catania. «Se non ci sono obiezioni dall´Economia sono pronto a lanciare il bando per l´assunzione di oltre 800 ispettori», ha aggiunto Maroni, che ha confermato l´istituzione di un commissario straordinario, «con ampi poteri d´intervento», precisando che porterà la proposta nel prossimo consiglio dei ministri.
          Le percentuali più elevate di irregolarità, dice il Censis, si raggiungono in alcuni settori particolarmente predisposti al ricorso al lavoro nero. Fra le colf e il personale addetto alle cure e all´assistenza, ben il 77% del totale degli occupati è in nero, dice. Da uno studio dell´Università di Torino, presentato ieri a Firenze, emerge intanto che sono oltre mezzo milione gli immigrati con permesso regolare che mancano all´appello nelle liste Inps poiché "catturati" dal lavoro sommerso: il dato è il saldo tra il numero dei permessi accordati e il numero dei cittadini stranieri contribuenti Inps.