Coin riduce il canale di vendita in Germania

30/10/2003



      Giovedí 30 Ottobre 2003

      FINANZA E MERCATI


      Coin riduce il canale di vendita in Germania

      Accordo da 50 milioni di euro con Kaufhalle

      C.PAS.


      VENEZIA – Coin punta a chiudere in attivo i suoi conti già dall’esercizio 2004. Ieri, infatti, il gruppo ha posto le premesse per chiudere la "voragine tedesca" determinatasi con l’acquisizione della catena Kaufhalle, che ha pesato sui bilanci di Coin. Il gruppo veneziano ha infatti siglato un accordo con Kufhalle AG e Kaufhalle Gmbh per risolvere al 31 gennaio prossimo i contratti di locazione di 71 negozi e della sede centrale di Colonia in cambio di un corrispettivo di 50 milioni di euro che verrà pagato in due tranches annuali. Considerato che questi negozi, su vendite nette per 210 milioni di euro, avevano generato nell’esercizio 2002 perdite per 48 milioni che si andavano a sommare ai costi per 20 milioni della sede di Colonia, è evidente che Coin è riuscito a tappare la falla in tempi brevissimi e senza ulteriori danni. «L’operazione – ha spiegato l’a.d. Fernanda Pelati – è stata interamente realizzata con la nuova finanza di gruppo e consente di chiudere di fatto la partita tedesca recuperando importanti risorse da destinare allo sviluppo dei marchi Coin ed Oviesse sul mercato italiano».
      In Germania Coin resterà con 17 negozi già trasformati in Oviesse, «tranquillamente sostenibili – ha precisato Pelati – dal nuovo piano industriale che di fatto con questa operazione recupera due anni sulle previsioni negative formulate per l’esperienza tedesca». «Nel giro di meno di tre mesi – ha sottolineato l’ad – abbiamo chiuso l’accordo sul rifinanziamento, ridefinito il capitale sociale e posto le premesse per un ritorno all’utile già dal 2004.» L’intesa sui negozi Kaufhalle prevede anche una serie di iniziative per il collocamento o la riqualificazione dei 1600 dipendenti della catena tedesca.