Coin, francesi Pai per cambio a.d.

23/06/2005
    giovedì 23 giugno 2003

    pagina 9

    Verifica per Fernanda Pelati nel cda del 27
    Coin, francesi Pai per cambio a.d.

    Potrebbero esserci sorprese all’assemblea di Coin convocata lunedì per nominare il nuovo cda. Secondo fonti di mercato, Pai partners, infatti, starebbe lavorando all’ipotesi di presentare una lista con un nuovo candidato nel ruolo di a.d., in sostituzione di Fernanda Pelati, che è stata scelta dalla famiglia Coin circa due anni fa e che ricopre ad interim anche l’incarico di direttore generale.

    In base agli accordi di governance, infatti, Pai, che controlla indirettamente il 55% della finanziaria Bellini, che possiede il 62,9% del gruppo, ha il diritto di nominare l’a.d. e il direttore generale, mentre ai fratelli Coin, che hanno in mano l’altro 45% della finanziaria, spetta la scelta del presidente. Secondo le fonti, Pai, che ha apprezzato il lavoro svolto dalla Pelati e in particolare il modo in cui ha gestito l’uscita dalla Germania, starebbe studiando da tempo una riorganizzazione della prima linea di management, e in particolare sarebbe alla ricerca di un nuova figura di sua scelta da mettere al vertice del gruppo.

      Un manager che possa aiutare il gruppo a recuperare velocemente redditività e che magari conosca bene il mercato del Far East per potenziare gli accordi commerciali già esistenti con produttori cinesi e taiwanesi.

        Fonti vicine a Coin sottolineano che è difficile ipotizzare cambiamenti radicali almeno fino all’8 luglio, quando si concluderà l’opa obbligatoria a 2,42 euro sul restante 37,1% del capitale del gruppo ancora non controllato dalla finanziaria Bellini.

          Inoltre, spiegano le fonti, le liste con i candidati per il nuovo cda, in cui dovrebbero fare il loro ingresso almeno due rappresentanti del fondo francese, sono già state messe a disposizione degli azionisti. Nulla vieta però di presentarne di nuove, se Pai dovesse raggiungere in extremis un accordo con un manager di spicco del settore della grande distribuzione. Comunque la decisione di sostituire Fernanda Pelati sarebbe già stata presa.