Coin, Accordo profili professionali 05/12/1981

                    5 dicembre 1981
      ACCORDO COIN

      INQUADRAMENTO

      Viene costituita una commissione paritetica nazionale con il compito di esaminare i problemi della professionalità, in rapporto alle specifiche esperienze organizzative COIN e agli inquadramenti contrattuali in atto, al fine di formulare alle parti eventuali proposte per il miglior governo contrattato della materia.

      A livello locale verranno effettuate le necessarie verifiche periodiche tendenti ad accettare, in rapporto all’organizzazione del lavoro esistente, agli obiettivi di crescita professiona-le individuale e collettiva e, in base a quanto definito in argomento dal CAI 1978, la corretta applicazione dei profili professionali, anche ai tini di eventuali conseguenti variazioni di inquadramento dei singoli lavoratori.

      Si allegano i seguenti profili di 3’ livello:

      - commesso specializzato

      - vetrinista

      -contabile/impiegato amministrativo.

      COMMESSO SPECIALIZZATO PROVETTO

      Lavoratore che in possesso di adeguata capacità professionale acquisita mediante approfondita preparazione teorica e/o pratica in condizioni di autonomia ed adeguata determinante iniziativa svolge congiuntamente le proprie funzioni nell’area di vendita e nell’ambito dei gruppi di lavoro, ottimizzando i risultati gestionali onde garantire un qualificato servizio al cliente, intrattenendo personalmente rapporti di vendita, assicurando la migliore gestione delle merceologie affidategli, intervenendo sulla composizione degli stocks e sulla determinazione dei prezzi, fornendo adeguate azioni di consulenza per il buon andamento della attività commerciale—gestionale e contribuendo all’elevamento della professionalità del gruppo al cui interno opera.

      VETRINISTA

      Lavoratore che, con adeguata esperienza e capacità professionale, acquista mediante approfondita preparazione teorica e/o tecnico-pratica, assicura in condizioni di autonomia l’allestimento delle vetrine e dei displays.

      Realizza inoltre il miglior allestimento dei reparti, delle manifestazioni e delle promozioni, previsti dai programmi commerciali e, nel rispetto dei tempi, dei criteri di utilizzo delle attrezzature e degli standards indicati dagli enti specialistici garantisce la miglior comunicazione dell’offerta merceologica.

      CONTABILE IMPIEGATO AMMINISTRATIVO

      Lavoratore che assicura lo svolgimento di attività contabili e/o amministrative, secondo quanto previsto dalla normativa aziendale e dalla vigente legislazione, sulla base delle istru-zioni ricevute attraverso l’applicazione di procedure operative complesse.

      Evidenzia eventuali irregolarità sulla documentazione contabile amministrativa e gestisce i conseguenti interventi operativi.

      Esercita un’azione di controllo sulla documentazione prodotta e interviene per ripristinare la normalità per quanto di propria competenza.

      ORARIO DI LAVORO

      Confermate le dichiarazioni rese e gli impegni in argomento nell’accordo sindacale 12—12—1980, le parti si danno atto dell’impossibilità di individuare centralmente allo stato attuale della normativa legale, delle consuetudini locali e delle aspettative delle parti sociali una soluzione tecnica e automaticamente generalizzabile al problema di una più diffusa riduzione del nastro orario.
      Convengono perciò di ricercare e definire insieme localmente anche in relazione alla diversa struttura fisica di ogni punto di vendita e senza pregiudizio per alcuna delle soluzioni teoricamente possibili, i modi tecnici di intervento che praticamente concilino l’obiettivo sindacale con i: servizio alla clientela, l’equilibrato utilizzo della forza lavoro e la compatibi-lità economica, come sanzionati nell’accordo aziendale sopra richiamato.

      A tale scopo le strutture sindacali regionali, unitamente ai consigli di azienda e ai responsabili delle federazioni comprensoriali e le direzioni delle Società del gruppo SELEFIN concor-deranno l’avvio delle conseguenti sperimentazioni dal 25—1—1982. Il 5—1—1982 inizieranno gli incontri di definizione non escludendo momenti preparatori precedenti.

      PRODUTTIVITA’

      Le parti si danno atto del comune interesse a tutte le iniziati-ve che, in applicazione delle intese di cui agli accordi aziendali 1978 e 1980, migliorino i livelli reali di produttività del sistema aziendale inteso come rapporto tra risorse impiega-te e prodotte.

      A tale scopo l’Azienda ha realizzato cospicui investimenti per la razionalizzazione dell’attività, il miglioramento delle condizioni di impiego e delle tecnologie, la formazione professionale e lo sviluppo di nuove iniziative.

      Le OO.SS. hanno, dal canto loro, contribuito a definire modelli di organizzazione del lavoro e di sviluppo professionale tali da rendere possibile l’ottimizzazione dei comuni obiettivi.

      Gli incrementi reali dei benefici economici, quando conseguiti, verranno destinati anche allo sviluppo quantitativo per la creazione di nuovi posti di lavoro ed in parte assegnati al fattore lavoro, nei limiti e con le caratteristiche di seguito precisate.

      COIN GRANDI MAGAZZINI S.p.A. – PUNTI DI VENDITA

      Fermo restando quanto previsto dal CAI 6-5-1978 anche in materia di organizzazione del lavoro e di organici, a partire dal 1—1—1982 al personale di ogni negozio COIN, in rapporto proporzionale al tipo di contratto (tempo pieno, part-time, contratto a termine) ed alla effettiva prestazione lavorativa (data di inizio o cessazione del tipo di contratto, astensioni dal lavoro con diritto a conservazione del posto, assenze per permesso non retribuito) viene riconosciuto un importo denominato “com-penso di produttività”, legato al conseguimento dell’obiettivo di vendita delle singole unità, da ripartire in due quote corrispondenti ai periodi commerciali in uso in azienda.

      Questo obiettivo di periodo, tale da migliorare il rapporto ricavi/costi e da accrescere le quote di mercato di ogni singolo punto di vendita, verrà definito e reso noto nei termini e con le modalità previste al capitolo “diritti di informazione” dell “accordo 12—12—1980.

      In “compenso di produttività” è concordato per ciascuno dei due periodi commerciali, in un importo lordo pari a:

      lire 175.000qual’ora si realizzi o si superi il 100% degli obiettivi di vendita;

      lire 131.250qual’ora gli obiettivi di vendita siano realizzati in una percentuale compresa tra il 98,00 e il 99,99;

      lire 87.500qual’ora gli obiettivi di vendita siamo realizzati in un percentuale compresa tra il 97,00 e il 97,99.

      Detti importi verranno erogati agli aventi diritto con la retribuzione del mese di agosto per il primo periodo, e di gennaio dell’anno successivo per il secondo periodo commerciale.

      NORMA TRANSITORIA

      Gli accordi locali stipulati in precedenza per lo stesso titolo vengono annullati e sostituiti integralmente dalla presente normativa con effetto 1’ gennaio 1982.

      Per il secondo periodo commerciale 1981 vengono applicate le clausole di assorbibilità per le quote di cui al capitolo “trattamento economico”.

      COIN GRANDI MAGAZZIONI S.p.A. – DEPOSITI

      A far data dal 1—1—1982 viene riconosciuto, al personale dei singoli depositi, un importo denominato “compenso di produttività” i cui parametri obiettivi di riferimento, la gradualità delle quote di arretramento, e i criteri di applicazione propo-sti dall’azienda saranno comunicati alle OO.SS. nazionali entro 100 g., al fine di concordare la materia.

      Detto compenso, è concordato, per ciascuno dei due periodi commerciali, fino ad un importo massimo lordo pari a L. 125.000.

      COIN INGROSS S.p.A.

      A far data dal 1—1—1982 viene riconosciuto al personale in forza un importo denominato “compenso di produttività” i cui parametri obiettivi di riferimento, la gradualità delle quote di arretramento e i criteri di applicazione proposti dall’Azienda saranno comunicati alle OO.SS. nazionali entro 10 gg., al fine di concordare la materia.

      Detto compenso è concordato, per un importo massimo lordo annuo pari a L. 300.000.

      SPERIMENTALITA’ E GRADUALITA’

      L’istituto del “compenso di produttività” ha carattere sperimentale. Le parti convengono di verificarne, entro il mese di febbraio 1983, i risultati complessivi anche ai fini di un eventuale estensione, la cui possibilità verrà verificata dopo il primo periodo commerciale di sperimentazione.

      TRATTAMENTO ECONOMICO

      A tutto il personale in forza alla data 1-10-1981 verrà corrisposta, insieme con la retribuzione relativa al mese di dicembre 1981, la somma di L. 150.000 a titolo di anticipazione sull’ indennità di anzianità.

      Nel caso di lavoratori assunti successivamente all’1—10—1981 l’importo sarà proporzionalmente ridotto.

      Analoganente si procederà nei confronti dei lavoratori a tempo parziale in relazione alla limitata prestazione.

      Detto importo non sarà corrisposto ai lavoratori assenti per aspettativa non retribuita, tubercolosi e per chiamata o richiamo alle armi.

      DURATA

      I capitoli che precedono costituiscono parte integrante del contratto aziendale integrativo sottoscritto il 12—12—1980.

      NORMA TRANSITORIA

      Al personale in forza dal 1’ gennaio 1981, per il quale l’art. 7 CAI 1974 prevedeva comunque scorrimenti automatici, verrà erogato fermo restando l’inquadramento al IV livello del C.C.

      N.L. 17—12—1979:

      -l’importo di L. 6.000 mensili lorde dopo 36 mesi di permanenza al IV livello;

      -l’importo di L. 3.000 mensili lorde dopo ulteriori 36 mesi.

      Gli importi di cui sopra, riconosciuti alle rispettive scadenze saranno considerati assegni “ad personam”.

      Eventuali problemi emergenti dalla applicazione di questa norma anche per il personale assunto verranno affrontati e risolti in occasione del rinnovo del presente accordo. Analogamente si procederà, fino a diversa determinazione, per gli scatti di anzianità in corso di maturazione.