Cofferati: ci hanno escluso

22/04/2001

Sabato 21 Aprile 2001


CONTRATTI A TEMPO
Cofferati: ci hanno escluso

Il sindacalista a Napoli, mentre a Roma si discute senza la Cgil

GIANFRANCESCO RAIANO
Le trattative di Confindustria con i sindacati? «So che proseguono, l’ho letto sui giornali. In ogni caso non apporremo alcun sigillo a una trattativa, e alle conclusioni prodotte, senza esserne stati coinvolti». Apparentemente imperturbabile, il segretario della Cgil Sergio Cofferati boccia, senza mezzi termini, l’ipotesi di accordo con gli imprenditori sulla spinosa questione dei contratti a tempo determinato. Il braccio di ferro con i vertici di viale dell’Astronomia continua: a distanza di pochi chilometri, il leader sindacale era ieri a Napoli per un convegno indetto dalla Cgil scuola mentre a Sorrento si apriva un incontro di Confindustria, ma per Cofferati il tempo si è arrestato al 5 marzo, quando il suo sindacato abbandonò il tavolo delle trattative. Niente accordo imminente, quindi, anzi: «Abbiamo più volte ribadito la nostra disponibilità a discutere delle questioni aperte – sottolinea Cofferati – ma dobbiamo constatare che da parte della Confindustria è in atto un tentativo palese di escludere la Cgil. È, infatti, quanto meno strano apprendere che imprese e sindacati continuino a discutere tenendoci all’oscuro».
E ieri a Roma presso la sede della Confindustria è stata definita la cornice principale dei futuri contratti a termine, con il pieno accoglimento dei relativi contenuti sia da parte delle 17 parti datoriali, sia dalla Cisl e dalla Uil. Il 27 aprile è la data prevista per un nuovo incontro che potrebbe segnare la chiusura della trattativa. Per il segretario confederale della Cisl, Raffaele Bonanni, «oramai ci sono tutte le condizioni per fare l’intesa. Mancano solo – ha detto al termine della riunione – alcune piccole limature. Insomma – ha aggiunto – abbiamo confezionato il vestito. Decisi il colore, il taglio, il modello, mancano solo qualche occhiello e alcuni bottoni».