Cofferati all’opposizione: “Incontriamoci”

05/07/2002




05.07.2002
Cofferati all’opposizione: "Incontriamoci"

g.v.


 La risposta è arrivata a stretto giro di posta. Sergio Cofferati, il segretario della Cgil, con una lettera aveva chiesto un incontro ai leader dell’Ulivo, dell’Italia dei Valori e di Rifondazione comunista. Per esporre loro la posizione della più grande confederazione. E le risposte, si diceva, sono arrivate a stretto giro di agenzia. E sono tutte positive.
Ecco cosa ha scritto Cofferati. "Cari amici e compagni, di fronte all’evolversi della
situazione sociale economica e politica del Paese, e in relazione alle preoccupazioni crescenti legate alle scelte del governo, riteniamo utile potervi esporre il punto di vista della Cgil. Certi di un vostro interesse restiamo in attesa di un riscontro per concordare data e modalità dell’incontro".

La lettera, s’è saputo, era stata preceduta da un colloquio telefonico nel primo
pomeriggio con Francesco Rutelli.

Piero Fassino ha risposto di sì con una lettera. Ha solo detto d’essere impegnato a Londra per un incontro con alcuni leader dell’Internazionale socialista lunedì e martedì prossimi e di essere quindi disponibile da mercoledì.
«Un incontro utile e necessario", è anche il giudizio di D’Alema.

Analoga la posizione di Pecoraro Scanio. "Si accolga subito l’invito di Cofferati ad un confronto schietto e in tempi brevi". Anche Fausto Bertinotti è pienamente
disponibile a incontrare in tempi stretti il leader della Cgil Sergio Cofferati. "Caro Sergio – scrive il leader di Rifondazione – siamo pienamente d’accordo a svolgere nel più breve tempo possibile l’incontro richiesto condividendo sia la preoccupazione che
esprimi sia l’esigenza del confronto. A partire da lunedì 8 diamo piena disponibilità a concordarne tempi e modalità".
Tutto fa capire, insomma, che la riunione ci sarà nella prossima settimana.