Codice di Condotta – Verbale di riunione del 22 luglio 2005

END CHILD PROSTITUTION, PORNOGRAPHY AND TRAFFICKING IN CHILDREN FOR SEXUAL PURPOSES

PORRE FINE ALLA PROSTITUZIONE E ALLA PORNOGRAFIA INFANTILI E AL TRAFFICO DI MINORI A FINI SESSUALI

Roma, 22.07.05

Riunione d’aggiornamento sulle attività delle Task Force

per l’attuazione del Codice di Condotta dell’Industria Turistica Italiana

Ufficio ECPAT-Italia, 22.07.05, ore 10:30

ORDINE DEL GIORNO

    1.Relazione sui risultati della Task Force sul rafforzamento dell’impegno di agenzie di viaggio e tour operator
    2.Relazione sui risultati della Task Force sulla rendicontazione
    3.Activity planning per i prossimi mesi
    4.Coordinamento per l’organizzazione della conferenza stampa
    5.Sostenibilità economica del settore turismo: una Task Force per una strategia efficace?
    6.Varie ed eventuali


Presenti

ASSOTRAVEL: Francesco Granese

ASSOVIAGGI: Mauro Maggi

EBIT: Francesco Granese

FIAVET: Stefano Landi

FILCAMS CGIL: Gabriele Guglielmi

FISASCAT CISL: Alfredo Magnifico

Ventura Travel ACI: Simona Zenoni

Visit USA Association Italia: Maria Rita Petrucci

ECPAT-Italia: Perla Goseco; Françoise Barner; Maddalena Cavadini

Assenze preannunciate

I Viaggi del Ventaglio: Ellen Bermann

ASTOI: Alberto Corti

ADICONSUM: Luisa Fabiano

Marisol Viaggi: Amalio Guerra

Piramide.Net IC Travel: Alex Kornfeind

Virgin Express: Elisabetta Gravellino

Assenze non preannunciate

Interline International Club: Liliana Comandé

UILTUCS: Caterina Fulciniti


RIUNIONE

PRESENTAZIONE LAVORI DELLE

TASK FORCE DEL CODICE DI CONDOTTA

22/07/05

1. Relazione sui risultati della Task Force sul rafforzamento dell’impegno di agenzie di viaggio e tour operator

Relatore: Francesco Granese

Al fine di promuovere una diffusione del Codice di Condotta dell’industria turistica anche in Italia è opportuno fare leva sugli effetti moltiplicatori di buone prassi fatte proprie da un nucleo iniziale di “ virtuosi”, composto oltreché dagli attuali firmatari, da un insieme di agenzie di viaggio che aderiscano al Codice facendosene portavoci attive.

    • Sulla strategia, la tattica, le azioni e gli strumenti si veda relazione (allegata) che è stata riletta e commentata dal relatore.
    • Inserimento nei rispettivi statuti di un articolo ad hoc con l’assunzione formale di impegno contro il turismo sessuale con minori, cogliendo l’ occasione delle rispettive assemblee generali (come già fatto dalla FIAVET)
    • Presentazione di un allegato al Codice di Condotta per AGENZIE DI VIAGGIO che specifica l’impegno del AdV nei confronti dei propri clienti e dei propri interlocutori a:
        • Informazione
        • Formazione del personale
        • Informazione ai propri Clienti
        • Selezione e segnalazione di fornitori qualificati

Prima di procedere è parso opportuno anche capire lo sfondo legislativo: la riforma della legge 269/98 (DDL 4459), nelle disposizioni relative al turismo sessuale con minori che investono anche le aziende del settore turistico: ne è stata fatta circolare una copia tra i presenti e si è comunicato il riferimento Internet per consultazione on line.

2. Relazione sui risultati della Task Force sulla rendicontazione

Relatore: Gabriele Guglielmi

Sono stati presentati i due diversi questionari elaborati dalla task force:

    • Uno rivolto alle Associazioni ed agli Enti firmatari
    • Un altro rivolto alle aziende

In una fase iniziale sarà ECPAT-Italia ad occuparsi della distribuzione e della raccolta dei questionari; tuttavia in un’ottica di sostenibilità futura si è proposto di creare organi/punti di riferimentoper un’analisi coordinata dei dati.

È proprio l’eterogeneità delle Parti coinvolte che ha spinto alla necessità di una rimodulazione del Codice di condotta per cui è stata creata una nuova task force ad hoc. Il ripensamento del codice potrà essere discusso entro febbraio 2005 in occasione della BIT. In quest’ottica, Alfredo Magnifico ha chiesto come comportarsi con i nuovi aderenti. La risposta è stata che, per il momento, si può utilizzare il modulo di adesione che finora è servito alle associazioni e federazioni per far firmare le agenzie di viaggio, fermo restando che il modulo vada successivamente perfezionato per una più larga adesione.

Gabriele Guglielmi ha sottolineato la necessità di una svolta (“un balzo avanti”) in senso operativo nell’attuazione del Codice. Mauro Maggi ha fatto notare come, in questo senso, la campagna di comunicazione e formazione coordinata dal prossimo settembre costituirà senz’altro un punto di partenza.

Activity planning per i prossimi mesi

Il piano di attività concordate per i prossimi mesi prevede:

    1.Distribuzione da parte di ECPAT-Italia dei questionari per i firmatari entro fine luglio, chiedendo una risposta rapida (prima delle Ferie d’Agosto)
    2.Elaborazione di un nuovo Codice di Condotta e monitoraggio e valutazione dell’iter della Legge (DDL 4459) al Parlamento. Il referente per questa attività sarà Simona Zenone , che avrà la funzione di coordinatrice, coadiuvata da Alfredo Magnifico
    3.Comunicazione e promozione. Il responsabile è Francesco Granese . Si tratta di:
    • organizzare una Conferenza Stampa al TTG – Ottobre 2005
    • presentare alla BIT Milano 2006:
    • il nuovo CC
    • i risultati del primo monitoraggio sull’implementazione
    • e i (previsti) 40 nuovi aderenti

La campagna di comunicazione e promozione sarà portata avanti anche dalle compagnie aeree, dall’ASTOI, dalla stampa di settore (Interline International et al.)

    4.Elaborazione di strumenti di monitoraggio (verifica, rendicontazione, creazione di un osservatorio). Il referente per quest’attività è Gabriele Guglielmi.

Coordinamento per l’organizzazione della conferenza stampa

La Conferenza stampa potrebbe essere convocata una data da fissare durante il TTG a Rimini (ottobre 2005). Maggi si può darci una mano a prenotare una stanza e prefissare una data provvisoria.

Sostenibilità economica del settore turismo: una Task Force per una strategia efficace?

Per quanto la creazione dei gruppi di lavoro abbia alleggerito il carico di attività di ECPAT-Italia, si pone il problema della copertura spese per il resto delle attività di coordinamento che ancora restano in capo all’Associazione che, in quanto ONLUS, vive dei fondi provenienti dalle donazioni e dai progetti (di cui trattiene il 10%).

Nel caso delle attività relative a RSI nel turismo, ECPAT-Italia sta effettivamente lavorando in perdita, in condizioni particolarmente difficili per una piccola realtà che lavora su un ridotto numero di risorse umane.

Françoise Barner ha proposto che l’adesione al Codice di Condotta potesse implicare perlomeno un’adesione dell’Ente firmatario ad ECPAT-Italia in modo da contribuire alle spese di mantenimento.

A questo punto Perla Goseco ha rimarcato che il problema andava contingentato alle spese operative-amministrative del settore turismo.

Inoltre, è stato fatto notare che una strategia di marketing e comunicazione efficace (merchandising), una volta lanciata, potrebbe contribuire a creare entrate nuove per ECPAT-Italia ed avviare un meccanismo positivo di crescita senza bisogno di pensare a finanziamenti istituzionalizzati da parte dei firmatari in favore di ECPAT, anche perché questo avrebbe dei riflessi sul ruolo degli Enti, in quanto “ ;associati”, sulla sfera decisionale.

Guglielmi ha suggerito che la questione venisse presentata in una sede più consona, per esempio scrivendo direttamente al Segretario generale della FILCAMS-CGIL, al fine di ottenere un sostegno concreto.

Varie ed eventuali

Gabriele Guglielmi, in qualità di nuovo presidente dell’EBNT (Ente Bilaterale Nazionale per il Turismo), ne ha annunciato la sottoscrizione del Codice di Condotta.

3