Cit, via libera al nuovo piano Livolsi

17/11/2004


             
             
             
             
            Numero 275, pag. 10
            del 17/11/2004
             Ieri il cda.
            Cit, via libera al nuovo piano Livolsi
             
             
            La nuova versione del piano Livolsi è stata approvata ieri dal consiglio di amministrazione della Cit. Il cambiamento principale riguarda la composizione azionaria della newco, a cui faranno capo le attività di intermediazione e distribuzione del gruppo. Sviluppo Italia dovrebbe avere il 49% (anche se il comunicato emesso dalla Cit parla genericamente di ´nuovi partner’), le banche il 12% e la stessa Cit il 39%.

            Di fatto, però, soltanto Sviluppo Italia inietterà una somma in contanti, pari a 24,5 milioni. Questo perché la newco acquisirà la totalità delle partecipazioni delle società operative estere della Cit, oltre alle filiali di Italiatour a New York e Parigi, per 50 milioni. Tuttavia, mentre l’agenzia di Massimo Caputi porterà mezzi freschi, le banche convertiranno parte dei loro crediti in azioni. Quanto alla società di Gianvittorio Gandolfi, la sua quota costituirà una parziale compensazione dei crediti sorti all’atto della vendita.

            In seguito, la newco verserà alla Cit un canone d’affitto per l’utilizzo dei marchi e per il ramo d’azienda che comprende le attività italiane del gruppo. Adesso, però, la parola passa alle banche e a Sviluppo Italia.