Cit va avanti con il piano di cessione

22/05/2007
    martedì 22 maggio 2007

    Pagina 45 – Finanza & Mercati

      Turismo – Avviata la seconda fase: l’obiettivo è vendere in blocco le attività

        Cit va avanti con il piano di cessione

          Vincenzo Chierchia

            MILANO
            Al via la seconda fase del programma di cessione degli asset Cit, in amministrazione straordinaria. Dopo la fase delle manifestazioni di interesse, si apre oggi la fase di virtual data room, per raccogliere le informazioni utili alla formulazione delle offerte finali. Il commissario straordinario Antonio Nuzzo punta a chiudere l’operazione di cessione in blocco degli asset (7 hotel e villaggi turistici, 12 agenzie di viaggo, 5 accordi di programma e l’isola veneziana di Sacca Sessola) entro l’estate.

            Per la fine di giugno è prevista la presentazione delle offerte preliminari comprensive di prezzo, piano industriale e finanziario, elaborate sulla base della virtal data room che si apre appunto oggi.
            Advisor dell’amministrazione straordinaria sono Grimaldi per gli aspetti legali ed EnVent per la parte finanziaria.

            «Nella valutazione delle offere – si legge in una nota Cit – oltre al prezzo sarà determinante il piano industriale che dovrà garantire continuità nella gestione delle attività del gruppo e fornire garanzie sui livelli occupazionali». I dipendenti sono oggi 247.

            Finora hanno manifestato interesse 26 soggetti, tra investitori istiutuzionali e operatori turistico-alberghieri, sia italiani che internazionali.

            Tra questi è iniziata la formazione di cordate così come alcuni soggetti risulterebbero, secondo indiscrezioni di mercato, alla ricerca di partner esterni alla lista delle manifestazioni di interesse, per formulare proposte articolate.

            Tra le cordate già in pista: il raggruppamento Norman 95 con Gladstone, Eurotravel e Cesi; Graniglia & partner è insieme con Morgan hotel e Roseland property; il gruppo alberghiero Soglia, infine, si è alleato con il consorzio G-Aktor.

            A caccia di partner esterni (alla lista delle manifestazioni di interesse) con i quali formare un raggruppamento ci sarebbero Italia turismo, il gruppo Marriot (che sembrerebbe interessato in particolare all’isola veneziana di Sacca Sessola), il network albergiero Aurum, il gruppo Maire-Tecnimont e la banca di investimento Bear Sterns.