Cit è pronta a valutare le offerte

14/07/2006
    venerd� 14 luglio 2006

    Pagina 20 -Turismo

      Salvataggio

        Cit � pronta a valutare le offerte

          Sono 20 le manifestazioni d’interesse per la Cit ritenute valide dal commissario straordinario Ignazio Abrignani, che ha reso nota l’identit� dei potenziali acquirenti. Alcuni soggetti intendono rilevare l’intera societ�: il gruppo Aurum, Deutsche bank, Fimit (Fondi immobiliari italiani), Soglia hotel group, Consorzio G-Aktor, Sofin Im, Michele Amari srl e la cordata formata da Norman 95-Gladstone-Eurotravel.

            Le restanti offerte sono invece riferite a singole aree di business. Pirelli Re e il gruppo Degennaro-Dg investimenti sono interessati all’area immobiliare e dei villaggi. Pirelli real estate, inoltre, prende in considerazione l’acquisto dell’area di intermediazione (tour operating e agenzie di viaggi) in partnership con altri soggetti. Inoltre, le agenzie di viaggio fanno gola a Last minute tour, ad Alpitour e alla francese Club Med (quest’ultima � interessata anche all’area della gestione). Grandi viaggi ha manifestato interesse alla gestione e agli immobili, in particolare l’isola veneziana di Sacca Sessola, richiesta anche da Mobiliare veneta spa. Visegna srl (gruppo Sviluppo-Cis) punta all’Hotel Solaria di Marilleva, in Trentino. Altre offerte minori sono giunte per gli immobili non strategici, in particolare le sedi varesine della Cit.

              Ieri si � aperta la data room, che si chiuder� il 21 luglio, mentre la prossima settimana saranno convocati i pretendenti della Cit. �Voglio capire quali sono gli obiettivi degli interessati e il loro piano industriale’, spiega il commissario straordinario della Cit, Ignazio Abrignani. Qualche giorno fa, Abrignani aveva spiegato che la tendenza � quella di cedere la parte immobiliare e villaggi e di procedere, invece, alla ristrutturazione dell’intermediazione. Visto che alcuni soggetti hanno espresso la volont� di rilevare l’intero gruppo, Abrignani chiarisce che, se questo andasse in porto, si sottoscriverebbe un accordo per tutelare l’occupazione ed evitare la vendita a breve termine (per tre-cinque anni) di rami d’azienda. Il discorso vale soprattutto per il settore agenzie di viaggi e tour operating, che rappresenta il tallone d’Achille della Cit. Il commissario esaminer� anche le proposte di chi vuole rilevare questo comparto, ma dice no alla svendita e soprattutto vuole garantire il rilancio del marchio, evitando un semplice accorpamento a strutture esistenti. Mercoled� prossimo, intanto, Abrignani notificher� all’Unione europea il piano di ristrutturazione del gruppo turistico in amministrazione straordinaria. (riproduzione riservata)