Cisl, per il dopo Pezzotta le tute blu lanciano Baretta

14/06/2005
    martedì 14 giugno 2005

      Pagina 29

        Cisl, per il dopo Pezzotta le tute blu lanciano Baretta

        Ma alle assise di luglio
        l’attuale leader sarà riconfermato
        Bonanni prepara le contromosse
            ROMA – C’è un candidato ufficiale alla successione di Savino Pezzotta alla guida della Cisl. È il segretario confederale Pier Paolo Baretta. A lanciarne la corsa sarà il leader della Fim (metalmeccanici), Giorgio Caprioli, nella relazione con cui domani aprirà a Marina di Carrara il 26esimo congresso della sua organizzazione, in vista delle assise della Cisl, a Roma dal 5 all’8 luglio. Assise che riconfermeranno Pezzotta segretario generale, ma che dovranno preparare anche la strada al futuro numero uno. Caprioli ha uno scenario chiaro in mente. Pezzotta va senza dubbio rinconfermato, spiega. Ma poi, al massimo entro il 2008, quando avrà 65 anni, dovrà lasciare, a termini di statuto. A quel punto la Fim sosterrà la candidatura di Baretta, già segretario della Fim dal ’97 al ’99, prima dello stesso Caprioli. La mossa del segretario dei metalmeccanici ha destato scalpore a via Po, sede della Cisl, dove del dopo Pezzotta, finora, si era parlato solo nei corridoi. Non solo. Caprioli, bergamasco come Pezzotta, è considerato oggi vicino all’attuale leader Cisl. E molti quindi si chiedono se la sua uscita abbia l’approvazione di Pezzotta o non sia addirittura concordata.

            «Savino sa come la penso e che lo dirò, ma non c’è niente di concordato», si schermisce Caprioli. Comunque sia, è certo che l’altro candidato, Raffaele Bonanni, pure lui nella segreteria Cisl, non se ne starà con le mani in mano. Anche perché ritiene di poter contare su un consenso maggiore. Il congresso di Roma servirà a misurare le forze di cui dispongono i due rivali. E lo spazio di manovra dell’outsider, il segretario confederale Giorgio Santini. Il tutto si valuterà analizzando quanti dirigenti ogni aspirante successore riuscirà a far eleggere nel consiglio generale, il parlamentino Cisl. Tra gli aspiranti, assicura Caprioli, «non ci sono io: anche per questo ci tengo a far chiarezza sul fatto che noi appoggeremo Baretta, che per capacità personali ed esperienza sindacale considero il più adatto per il futuro della Cisl». Un futuro che potrebbe arrivare prima del 2008. Nel 2006 ci saranno le elezioni politiche (anche se Pezzotta ha sempre smentito di essere interessato) e nel 2007 si svolgerà l’assemblea organizzativa della Cisl. Un appuntamento indicato dallo stesso Pezzotta come adatto al cambio della guardia.

            Enrico Marro