Cisalpina Tours, Bluvacanze, esito incontro 19/01/2015

Roma, 21 gennaio 2015

Testo unitario

A causa di problemi tecnici del Ministero, l’esame congiunto per le procedure di mobilità tenutosi il 19/01/2015 si è concluso con un rinvio al 23 gennaio ore 11.

Nel corso dell’incontro del 19 gennaio 2015 abbiamo comunque delineato l’impianto degli accordi governativi.

Per quanto riguarda Cisalpina la cassa sarà richiesta per cessazione parziale di attività e vedrà le zero ore per le sedi in chiusura.

Per Bluvacanze il Ministero si è riservato di verificare se saranno necessarie due domande, una per crisi e una per cessazione parziale, o se è possibile richiedere per tutti la cassa per crisi, come da noi richiesto. In ogni caso sarà prevista la cassa integrazione straordinaria per 12 mesi a zero ore le unità in chiusura o chiuse e la cassa a rotazione per 12 mesi con una riduzione media del 50% nelle sedi che vedranno un calo di attività (ivi compresa la sede di Rozzano).

Le due procedure di mobilità saranno chiuse con il solo criterio della non opposizione.

La società ha confermato l’assenza di risorse sull’incentivazione all’esodo e il piano di trasferimenti già illustrato in sede sindacale.

La società provvederà a raccogliere le disponibilità ai trasferimenti tra le sedi business travel (22 posizioni da Rozzano a Rosta e la totalità del personale delle sedi di Napoli, Bologna, Padova e Genova verso Milano, Roma e Rosta).

Al termine di questo percorso si realizzerà un incontro nella sede di Rozzano per attuare le rotazioni e verranno prese in considerazione volontarietà di lavoratori provenienti dalle agenzie verso la sede di Rosta, anche con l’intervento di un percorso formativo.

Abbiamo inoltre delineato un accordo a latere in relazione alla gestione degli ammortizzatori con l’obiettivo di finalizzare anche questo accordo il giorno 23.

p. la Filcams Cgil Nazionale

    Luca De Zolt