Circolare Inps 6-07-1998, n. 146

I.N.P.S. (Istituto nazionale della previdenza sociale)
Circ. 6-7-1998 n. 146
Art. 24 della legge 24 giugno 1997, n. 196. Contributo di finanziamento al Fondo di garanzia per il T.F.R. Inapplicabilità alle cooperative della piccola pesca disciplinate dalla legge 13 marzo 1958, n. 250.
Emanata dall’Istituto nazionale previdenza sociale.

Sommario

Il Ministero del Lavoro, rilevata la specificità dell’organizzazione produttiva della piccola pesca, ritiene non dovuto il contributo per il finanziamento al Fondo di garanzia per il T.F.R. da parte dei soci delle cooperative della piccola pesca.

Con la circolare n. 175 del 31 luglio 1997 sono state impartite le istruzioni per l’applicazione dell’art. 24 della legge 196 del 1997.

Da parte di organizzazioni rappresentative del settore delle cooperative della pesca sono state richieste precisazioni in merito all’applicabilità del dettato normativo ai soci delle cooperative della piccola pesca disciplinate dalla legge n. 250 del 1958, con particolare riguardo alle norme riguardanti il fondo di garanzia per il TFR.

La questione è stata sottoposta all’attenzione del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale, il quale, con lettera del 25 maggio 1998 n. 13 – PS – 6-141010, ha fatto pervenire il parere espresso in materia dalla Commissione Centrale Assicurazione Pescatori del medesimo Dicastero.

La predetta Commissione – dopo aver rilevato la specialità della normativa dettata dalla legge n. 250 del 1958 che contempla solo alcune forme di contribuzione – è pervenuta alla conclusione che, attese le caratteristiche dell’organizzazione produttiva della piccola pesca, nell’ambito della quale è difficilmente configurabile una forma di remunerazione dell’attività del socio che non sia strettamente rapportata al ricavato del prodotto dell’attività della pesca, ha ritenuto fondate le osservazioni formulate dalla categoria in merito alla non debenza del contributo dello 0,20% per il finanziamento del fondo di garanzia da parte delle cooperative della piccola pesca ex lege 250 del 1958 per i soci delle cooperative medesime, non configurandosi l’intervento del Fondo a garanzia dei crediti.

Le Sedi, pertanto, nell’applicazione della predetta circolare n. 175 del 1997 dovranno tener conto del parere ministeriale sopra espresso, considerando non dovuto il contributo di cui trattasi per i soci delle cooperative della piccola pesca.

Il contributo eventualmente versato deve essere, a domanda, ammesso al rimborso con il rispetto del termine di prescrizione ordinaria decennale.

Il Direttore generale

Trizzino